ADHRRF: quasi la metà dei residenti del villaggio di maggioranza uigura nello Xinjiang tenuti in campi di internamento

Sezione:
An education camp in China

Questo articolo è tratto dal sito Web della nostra federata ADHRRF (Associazione per la Difesa dei Diritti Umani e Libertà di Religione) che denuncia la violenza contro la popolazione uigura.


Secondo una fonte ufficiale, quasi la metà dei residenti di un villaggio in un'area a maggioranza uigura del nord-ovest della Regione Autonoma Xinjiang Uyghur della Cina (XUAR) sono stati inviati ai campi di internamento a seguito di una politica di incarcerazione di massa contro le minoranze nell'area.

Si ritiene che dall'aprile 2017 le autorità della XUAR abbiano arrestato 1,5 milioni di uiguri e altre minoranze etniche musulmane accusate di professare "idee religiose forti" e "politicamente scorrette", trattenendoli nei campi di internamento.

I rapporti suggeriscono che le autorità stanno trattenendo il maggior numero possibile di uiguri nei campi di internamento e nelle carceri, indipendentemente dalla loro età, dal servizio prestato precedentemente al Partito Comunista al potere o dalla gravità delle accuse mosse contro di loro, nel tentativo di soddisfare le "quote" stabilite da il governo regionale.

Coloro che non riescono a rispettare le quote di detenzione sono sottoposti a un'ispezione ufficiale e, in alcuni casi, finiscono loro stessi nei campi.

Mentre investigava sul numero di persone detenute nei campi della contea di Yengisheher (Shule) nella prefettura di Kashgar (in cinese, Kashi), l'Uyghur Service della RFA ha parlato con un ufficiale di polizia del villaggio n. 1 della cittadina di Ermudun (Ai'ermudong), che ha detto che almeno Il 45 percento della popolazione era stata mandata in detenzione.

"Ci sono più di 400 famiglie con 1.336 residenti", ha detto l'ufficiale, che ha parlato richiedendo l'anonimato.

"Persone provenienti da più di 300 famiglie [sono state arrestate] ... Se stimiamo almeno due persone per ciascuna famiglia [sono adulti], ciò significa che ci sono più di 600 [detenuti]."

La stima dell'ufficiale suggerisce che il 75% delle famiglie nel villaggio n. 1 ha avuto almeno due persone detenute nei campi.

Alla domanda su come le famiglie sono in grado di gestire il lavoro agricolo nella zona in gran parte agricola di Kashgar, l'ufficiale di polizia ha detto che le autorità "stanno fornendo aiuto e anche la direzione del villaggio sta offrendo aiuto", senza fornire ulteriori dettagli, se non che "le famiglie stanno lavorando sodo. "

RFA ha anche parlato con il capo di un comitato di quartiere nel comune di Ermudun, che ha affermato che il villaggio n. 1 non è nemmeno il sottodistretto di Ermudun con il maggior numero di detenuti per popolazione.

"Il villaggio n. 2 ", ha detto, quando gli è stato chiesto quale villaggio abbia visto la maggior parte degli abitanti inviati ai campi di internamento.

Il capo del comitato di quartiere non è stato in grado di fornire statistiche sul numero di abitanti del villaggio n. 2.

Alla domanda su quante persone di Ermudun fossero state inviate ai campi, un funzionario della municipalità disse a RFA che non era sicuro, dicendo che aveva iniziato a lavorare lì solo un mese prima.

Il capo del comitato di quartiere non è stato in grado di fornire statistiche sul numero di abitanti del villaggio n. 2.

Alla domanda su quante persone di Ermudun fossero state inviate ai campi, un funzionario della municipalità ha riferito a RFA cdi non essere sicuro, dicendo che aveva iniziato a lavorare lì solo un mese prima.

Mentre RFA non è stato in grado di ottenere dettagli, il numero di detenuti nel villaggio n. 1 di Ermudun sembra rispecchiare la stima fornita da un funzionario del comune di Misha (Mixia), nella vicina contea di Peyziwat (Jiashi) di Kashgar, che ha rifiutato di essere citato.

"Non conosco il numero esatto ... [ma] è circa il 50 percento della popolazione", ha detto il funzionario.

Quando gli è stato chiesto se esistesse un piano per liberare i detenuti, il funzionario ha detto: "Nessuna informazione in tal senso ci è stata fornita".

Il funzionario ha ammesso che le famiglie hanno difficoltà a svolgere il lavoro agricolo a causa della detenzione di molti membri delle famiglie in età lavorativa, ma ha detto che "non possono lamentarsi" della situazione.

"Per coloro che hanno bisogno di assistenza, il gruppo di lavoro organizza volontari per aiutarli: li abbiamo aiutati nei campi a raccogliere mais o a costruire case", ha detto.

“[I volontari] sono principalmente studenti universitari che sono tornati a casa per le vacanze estive. Il gruppo di lavoro forma una forza lavoro organizzandoli in gruppi a sostegno delle famiglie a cui manca manodopera. "

Numeri simili

I numeri dal Kashgar sono simili a quelli che RFA ha segnalato in altre parti della XUAR e sembrano essere collegati alle direttive date alle autorità locali da funzionari di livello superiore nella regione.

Nell'ottobre 2017, funzionari di due villaggi della contea di Qaraqash (Moyu) della prefettura di Hotan (Hetian) hanno dichiarato a RFA di aver ricevuto come obiettivo una una quota di residenti da inviare nei campi di internamento.

Un ufficiale di polizia in uno dei villaggi ha dichiarato di essere stato informato durante una "conferenza online" a metà giugno di quell'anno che il suo dipartimento avrebbe dovuto imprigionare il 40 percento della popolazione locale per aver manifestato segni di "estremismo religioso".

Mentre Pechino inizialmente negava l'esistenza di campi di internamento, la Cina quest'anno ha cambiato rotta e ha iniziato a descrivere le strutture come "collegi" che forniscono formazione professionale agli uiguri, scoraggiano la radicalizzazione e aiutano a proteggere il paese dal terrorismo.

Tuttavia, i rapporti del Uyghur Service di RFA e di altre organizzazioni mediatiche, hanno dimostrato che quelli nei campi sono detenuti contro la loro volontà e sottoposti a indottrinamento politico, affrontano abitualmente un duro trattamento da parte dei loro sorveglianti e sopportano diete povere e condizioni antigieniche in strutture spesso sovraffollate.

Le incarcerazioni di massa nello XUAR, così come altre politiche che violano i diritti degli uiguri e di altri musulmani, hanno portato a un aumento degli appelli da parte della comunità internazionale a ritenere Pechino responsabile delle sue azioni nella regione.

A settembre, in occasione di un evento a margine dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, il vice segretario di Stato americano John J. Sullivan ha dichiarato che le Nazioni Unite non sono riuscite a far sì che la Cina renda conto delle sue politiche nel XUAR e dovrebbero richiedere un accesso senza restrizioni nella regione per indagare sui resoconti di incarcerazioni di massa e altre violazioni dei diritti degli uiguri.

Reported by Shohret Hoshur for RFA’s Uyghur Service. Translated by RFA’s Uyghur Service. Written in English by Joshua Lipes.

Fonte: adhrrf.org

Tag