Articoli

Altri confini

Attualmente molto si parla di confini. La difesa dei confini esterni dell'Europa; la difesa dei confini esterni dell'Italia.
Questa esigenza è divenuta una sorta di motivo ricorrente proprio mentre praticamente tutto dimostra l'inutilità della difesa dei confini esterni.

William (Bill) C. Walsh, necrologio

18 ottobre 1948 - 22 settembre 2018

Con grande dispiacere abbiamo appreso del decesso dell'avv. William (Bill) C. Walsh BA, JD di Washington DC.

Socio dello Studio legale Bisceglie e Walsh, Bill era un un avvocato energetico e appassionato, specializzato in legislazione internazionale dei diritti umani, con oltre 40 anni del suo lavoro dedicati a questioni attinenti i diritti umani, rappresentando clienti a livello nazionale ed internazionale, negli Stati Uniti, in Europa e atresì presso le Corti internazionali.

Il 31 agosto la Germania consegnerà un'altra vittima ai suoi persecutori?

Ad aprile la Germania ha rimandato in Cina un richiedente asilo uiguro “scomparso” subito dopo il rimpatrio. La Germania si è scusata per l’“errore”, ma per il 31 agosto ha in programma il rimpatrio di sorella Zhao, fedele della Chiesa di Dio Onnipotente, che probabilmente “sparirà” allo stesso modo.

Le autorità tedesche hanno annunciato che il 31 agosto deporteranno coattivamente in Cina sorella Zhao, una richiedente asilo attualmente detenuta nel carcere di Ingelheim, ricorsa contro il rimpatrio il luglio.

Lord Alton di Liverpool esprime il proprio sostegno ai ricorsi presentati dal presidente di FOB Alessandro Amicarelli

1 agosto 2018 – Lord Alton di Liverpool presso il parlamento del Regno Unito esprime il proprio sostegno ai ricorsi che il presidente di FOB Alessandro Amicarelli, nella sua qualità di avvocato specializzato in diritti umani, ha recentemente presentato presso le Nazioni Unite per conto di alcune vittime della persecuzione religiosa in Cina.

Al Campidoglio di Washington “Bitter Winter” apre la Settimana per la libertà religiosa

Il Presidente della European Federation for Freedom of Belief (FOB) Avvocato Alessandro (Alex) Amicarelli, ha partecipato all’evento di apertura che ha dato inizio alla Settimana per la Libertà Religiosa (Religious Freedom Week) tenutosi nella sede del Senato Americano a Washington e organizzato dal Segretario di Stato Michael Pompeo. L’Avv. Amicarelli è da tempo attivamente impegnato nell’aiutare, assieme al Direttore del CESNUR* Prof.

Arrestati oltre mezzo migliaio di membri della Chiesa di Dio Onnipotente

In Cina la libertà religiosa, se così si può chiamare, è concessa solo ad alcune “Chiese di Stato” approvate dal governo totalitario del Partito Comunista Cinese. Tutte le altre comunità religiose non sono ammesse. Dal 1995 il governo ha stilato una lista, periodicamente aggiornata, di cosiddetti Xie Jiao (letteralmente “insegnamenti eterodossi”) che sono considerati fuorilegge. L’articolo 300 del Codice Penale cinese prevede il carcere da 3 a 7 anni “o più” per la sola appartenenza attiva ad un movimento religioso che appare nella lista degli Xie Jiao.

Alessandro Amicarelli: «Libertà religiosa per tutti gli individui e per tutti i gruppi senza eccezioni»

Bitter Winter (Inverno Amaro), rivista specializzata sulla libertà religiosa e i diritti umani in Cina, ha intervistato il nostro Presidente circa la situazione della libertà religiosa in Cina con un'attenzione specifica ai casi di detenzione arbitraria di membri della Chiesa di Dio Onnipotente.

Approvata una "Legge anti-conversione" nello stato di Uttarakhand

Nello stato di Uttarakhand, in India Settentrionale, lo scorso 18 aprile è stata approvata una nuova legge che rende le 'conversioni forzate o fraudolente' punibili con la reclusione da uno a cinque anni, escludendo la possibilità di rilascio su cauzione. Inoltre è necessario ottenere un permesso dal governo statale prima della conversione religiosa.

La 'conversione forzata o fraudolenta' è l'accusa rivolta ai cristiani da parte degli estremisti indù che rappresentano il governo nazionalista.

Inizia la campagna del terrore per i Testimoni di Geova in Russia

La polizia ha condotto raid aggressivi contro i Testimoni di Geova in almeno sette città in tutta la Russia. In quella che sembra essere una campagna coordinata, le forze speciali di polizia (OMON) hanno fatto irruzione nelle case dei Testimoni, indossando a volte dei passamontagna e imbracciando mitragliatrici, e hanno puntato le armi contro di loro arrestando giovani e vecchi per sottoporli a interrogatori.