Fake news: la FECRIS condannata in Germania per dichiarazioni diffamatorie, sostiene di aver vinto in un comunicato stampa (!)

Sezione:
Fake News

HRWF (Human Rights Without Frontiers) ha pubblicato sul proprio sito web un articolo sulla condanna della FECRIS (European Federation of Centres of Research and Information on Cults and Sects) per delle dichiarazioni diffamatorie in danno della Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova. Ciò nonostante, in un suo comunicato stampa la FECRIS ha cantato vittoria (sic!), allungando così la serie di fake news fabbricato ad arte per dare al lettore disattento – o non avvezzo al linguaggio dei testi giurisprudenziali – un’idea distorta della verità. Al fine di stabilire la verità, l’articolo di HRWF, che pubblichiamo di seguito, riporta stralci della sentenza del Tribunale di Amburgo.


La FECRIS sanzionata per ripetute dichiarazioni offensive nei confronti dei Testimoni di Geova

HRWF (09.07.2021) - Il 27 novembre 2020, il Tribunale Distrettuale di Amburgo ha condannato la FECRIS (Federazione Europea dei Centri di Ricerca e Informazione su Culti e Sette) per aver diffamato  in generale il movimento dei Testimoni di Geova, tramite dichiarazioni pubbliche rese nell'ambito delle sue conferenze, dal 2009 al 2017 e succesivamente pubblicate sul suo sito web.

Il 18 maggio 2018, prima di decidere di adire le vie legali, i Testimoni di Geova avevano inviato una diffida tramite i loro rappresentanti legali, ma la FECRIS le aveva ignorate.

Il verdetto del tribunale tedesco nella causa Testimoni di Geova in Germania contro FECRIS (rif. 324 O 434/18) iguardava una lunga lista di 32 affermazioni diffamatorie: la Corte ne aveva confermate 17 come pienamente comprovate e una solo parzialmente. Il 30 maggio 2021, dopo che Bitter Winter aveva reso noto questo caso, la FECRIS ha pubblicato un comunicato stampa in cui affermava di aver "vinto" il caso di Amburgo. Questa notizia è stata ripresa da alcuni affiliati della FECRIS in diversi paesi, ma è stato solo un tentativo di gettare polvere negli occhi di chi non aveva letto la sentenza. La sentenza del tribunale è disponibile in tedesco e in inglese sul sito di HRWF.

Poiché i Testimoni di Geova avevano sostenuto che 32 dichiarazioni fatte dalla FECRIS fossero diffamatorie, mentre la corte ne aveva confermate 17 come diffamatorie, una solo parzialmente diffamatoria e 14 non diffamatorie, nel suo comunicato stampa la FECRIS aveva affermato di aver "vinto" la causa poiché le 14 dichiarazioni non diffamatorie erano "essenziali", mentre i 18 punti per cui era stata condannata erano "accessori".

Sentenza della Corte sulle 32 dichiarazioni contestate [testo ufficiale]

  • “Sotto la pena di sanzione amministrativa comminata dal Tribunale per ogni caso di violazione - o, nel caso in cui questa non possa essere riscossa, il fermo amministrativo o il fermo amministrativo fino a sei mesi – l’imputato dovrà astenersi dal distribuire e/o far distribuire quanto segue riguardante la querelante e i suoi membri, come è stato fatto su www.fecris.org e la Corte ha elencato le dichiarazioni oggetto del contenzioso” (si veda qui l'elenco delle dichiarazioni in oggetto).
  • Inoltre, la Corte ha stabilito che "il valore dell’oggetto del contendere è fissato a 176.000 euro".
  • La FECRIS è condannata a pagare ai Testimoni di Geova in Germania EUR 2.217,45 per le spese pre-processuali.
  • I Testimoni di Geova devono sostenere il 46% e la FECRIS il 54% dei costi della causa.
  • “La sentenza è provvisoriamente esecutiva con riferimento al dispositivo di cui al punto I. della sentenza, ma solo dietro costituzione di cauzione per l'importo di Euro 94.500; altrimenti, in ogni caso, a fronte di una cauzione nella misura del 110% delle rispettive somme da esigere”

La distorsione della sentenza del tribunale da parte della FECRIS smascherata da Massimo Introvigne [estratto]

Gli avvocati sanno che attaccare affermazioni fattuali non veritiere è difficile, e il confine tra dichiarazioni critiche ammissibili, se fortemente formulate, e calunnie illecite è di difficile determinazione. I Testimoni di Geova tedeschi hanno chiesto al Tribunale Distrettuale di Amburgo di esaminare 32 dichiarazioni. La corte ha trovato 17 di esse diffamatorie, una parzialmente diffamatoria e 14 non diffamatorie. La corte ha notato che nel diritto tedesco "le espressioni di opinione godono di un'ampia protezione. Di conseguenza, anche le opinioni inesatte fanno parte della sfera di protezione". In diversi casi, la corte ha concordato con i Testimoni di Geova che le dichiarazioni della FECRIS erano "imprecise", ma le ha giudicate al di fuori della portata del reato di diffamazione. 4 delle 32 dichiarazioni sono state addirittura giudicate espressioni di opinione inammissibili, cioè al di fuori dei confini della legittima libertà di espressione.

Coerentemente con la giurisprudenza di altri paesi europei, i giudici di Amburgo hanno anche affermato che nel campo della controversia religiosa e antireligiosa le espressioni forti sono comuni, e non possono essere censurate come diffamazione, concludendo che definire i Testimoni di Geova "irrispettosi dei diritti umani" rimane nei limiti della libertà di espressione. Personalmente posso non essere d'accordo con questa valutazione, ma dove si trovano questi limiti non è mai facile da valutare.

Nella maggior parte dei casi, tuttavia, la corte ha trovato che la FECRIS aveva superato il confine della diffamazione. I giudici di Amburgo hanno anche stabilito il principio che il fatto che le autorità o i tribunali russi abbiano incluso valutazioni negative sui Testimoni di Geova nei loro documenti o sentenze ufficiali non autorizza un imputato tedesco a ripeterle o ripubblicarle, se sono intrinsecamente diffamatorie e false.

In questa categoria di affermazioni di derivazione russa troviamo che tra i "tratti caratteristici" dei Testimoni di Geova ci sono il "possesso illegale di proprietà", il fatto che "hanno preso possesso degli appartamenti dei cittadini", commettono "crimini motivati dalla religione", portano "adulti e bambini alla morte". Sono state tutte ritenute affermazioni fattuali non veritiere da una sentenza che dovrebbe servire da avvertimento a tutte le organizzazioni affiliate alla FECRIS. Il fatto che affermazioni diffamatorie sui Testimoni di Geova provengano da documenti ufficiali russi non significa che le organizzazioni dei paesi democratici siano libere di ristamparle.

Il tribunale ha anche rilevato che la FECRIS distorce la teologia e le pratiche dei Testimoni di Geova con l'intenzione di diffamarli. La FECRIS ha falsamente affermato che i Testimoni di Geova insegnano che "c'è una differenza tra uomini e donne che ricevono la chiamata celeste da Dio, in quanto solo le donne 'devono cambiare natura', ma non gli uomini", che le donne che servono come missionari porta a porta sono "donne schiave, "e i bambini sono "costretti" a partecipare alla predicazione pubblica, che le donne in famiglia non devono solo sottomettersi ai loro mariti ma anche "ai loro figli maschi", che è "proibito divorziare senza essere immediatamente scomunicati", e che "non possono ribellarsi in casa senza essere immediatamente giudicati dagli anziani della congregazione." Che gli adolescenti Testimoni di Geova sorpresi a baciarsi vengono automaticamente "portati davanti a una commissione giudiziaria di JW", e che una giovane donna che pernotta in casa di un amico maschio verrebbe giudicata colpevole da una commissione giudiziaria anche in assenza di altri elementi che indichino una relazione impropria, sono state giudicate anche affermazioni false e diffamatorie. Un'altra affermazione falsa che la corte ha considerato diffamatoria è stata che i Testimoni di Geova hanno annunciato 26 date diverse per la fine del mondo e ora la predicono per l'anno 2034.

La FECRIS è stata anche ritenuta colpevole di diffamazione per aver riportato in modo inesatto che il rapporto della Commissione Reale Australiana sugli abusi sessuali ha trovato "4.000 casi di vittime di pedofilia in Australia" tra i Testimoni di Geova. In realtà, i Testimoni australiani avevano dato alla Commissione Reale tutti i rapporti disciplinari e i rinvii, provati e non provati, che erano stati presentati all'organizzazione dei Testimoni di Geova in Australia nel corso di un periodo di 65 anni, per un totale di 1.006 rapporti - il che ovviamente non significava che ci fossero stati 1.006 casi di abuso sessuale tra loro, e certamente non 4.000.

I giudici di Amburgo hanno constatato che le accuse di insabbiamento dei casi di abuso sessuale sollevate dalla FECRIS contro i Testimoni di Geova sono spesso basate su affermazioni false e diffamatorie, come: "Il bambino è portato a spiegare in dettaglio ciò che è successo. Devono ricordare ogni atto, e gli anziani fanno domande precise", la madre del bambino "non può essere presente" e "il bambino deve incontrare lo stupratore". Queste affermazioni, ha detto la corte, sono di fatto "non vere", perché in effetti "un bambino testimonia davanti agli anziani solo se il bambino lo vuole in maniera assoluta e se questo gli viene concesso", la madre del bambino può essere chiamata per "sostegno morale", e "gli anziani non richiedono mai alle vittime di esporre le loro accuse in presenza dell'accusato". L'affermazione della FECRIS che, quando un colpevole di abusi sessuali su minori è stato identificato, gli anziani non avvertono le famiglie con figli minori nella propria congregazione e in quelle vicine, rivelando il nome del colpevole, è stata ritenuta parzialmente diffamatoria. La corte ha concluso che gli anziani avvertono correttamente le famiglie della propria congregazione che hanno figli minori, ma che i querelanti non hanno dimostrato di aver avvertito anche le congregazioni vicine.

A volte, non è chiaro se gli attivisti della FECRIS, che sostengono di essere esperti di "sette", siano in cattiva fede o semplicemente incompetenti. Hanno pubblicato il caso di una ragazza olandese di 17 anni, morta durante un'epidemia di morbillo nel 2013, dopo che i suoi genitori avevano rifiutato la vaccinazione per motivi religiosi insinuando che fosse una Testimone di Geova. In realtà, era membro di una congregazione Cristiana Riformata Calvinista, cioè, apparteneva a una chiesa nota per essere una strenua oppositrice dei Testimoni di Geova.

È interessante notare che il 5 gennaio 2021, la FECRIS ha presentato una petizione per correggere la sezione della sentenza che riguarda i fatti del caso. La FECRIS ha chiesto che nei fatti della sentenza la frase "Le dichiarazioni non si riferiscono né direttamente né indirettamente ai Testimoni di Geova" sia corretta come segue: "Le dichiarazioni non si riferiscono al querelante".

La FECRIS intendeva ovviamente limitare la portata della sentenza sull' organizzazione tedesca dei Testimoni di Geova che era la ricorrente nella causa, e restare libera di diffamare i Testimoni di Geova in generale. Nella sua sentenza del 22 gennaio 2021, il tribunale ha condiviso la posizione dei Testimoni di Geova secondo cui l'ente pubblico tedesco può rappresentare legalmente i Testimoni di Geova in Germania e difendere i loro diritti personali e la loro reputazione.

Con la sentenza di Amburgo, l’immagine della FECRIS quale organizzazione di "esperti", che meritano di essere sostenuti dai soldi dei contribuenti in Francia e altrove, ne esce profondamente distrutta. Emerge piuttosto come una coalizione di diffusori di fake news, che usano sistematicamente la diffamazione per attaccare i gruppi che etichettano come "sette". Speriamo che la sentenza tedesca diventi un modello per altri in diverse giurisdizioni, insegnando ai movimenti anti-sette affiliati alla FECRIS che possono avere potenti mecenati ma non sono al di sopra della legge. (qui l'articolo completo di Massimo Introvigne)

Estratto da dai materiali su FORB in EU pubblicati sul sito web di HRWF