La Libertà Religiosa protagonista al Simposio Nazionale per la Pace 2024

Sezione:
Earth

Il 9 marzo 2024, a Londra, la Ahmadiyya Muslim Jama'at (AMJ) ha ospitato il 18° Simposio Nazionale per la Pace (National Peace Symposium). Tra i numerosi ospiti, Alessandro Amicarelli, presidente di FOB, e Marco Respinti, membro del Consiglio Consultivo di FOB e caporedattore della rivista accademica The Journal of CESNUR (Center for Studies on New Religions) e del progetto del CESNUR  Bitter Winter: A Magazine on Religious Liberty and Human Rights. Segue un resoconto di Marco Respinti sull'evento e sul suo significato.


Il Califfo dei Musulmani Ahmadi non ha una soluzione magica per la pace, ma ha alcune sagge idee

In occasione del Simposio Nazionale per la Pace 2024 a Londra, ha affermato che la religione non è la causa della guerra, ma la soluzione.

Pur essendo soggetta a violenze in diversi Paesi, in particolare alla persecuzione dello Stato in Pakistan, la Ahmadiyya Muslim Jama'at (AMJ) ("jama'at" significa "comunità") lavora incessantemente per la pace. Lo ha dimostrato ancora una volta il Simposio Nazionale per la Pace 2024 a Londra, Inghilterra, Regno Unito, che l'AMJ ha ospitato il 9 marzo 2024. Significativamente, era la vigilia del Ramadan (che quest'anno durerà fino al 9 aprile), il nono mese del calendario musulmano che, attraverso il digiuno e le preghiere, sottolinea fortemente la dimensione spirituale di tutte le cose.

Immagine
Marco respinti at 2024 National Peace Symposium

A sinistra: Marco Respinti con Sua Santità Sahibzada Mirza Ahmad Masroor Sahib, il 5° Califfo della Ahmadiyya Muslim Jama'at (foto per gentile concessione della Makhzan-e-Tasaweer Image Library). 
A destra: Marco Respinti, Alessandro Amicarelli e Peter Zoherer (segretario generale e caporedattore di FOREF Europa).


La sede dell'evento è stata la moschea Baitul Futuh (“House of Victories”) di Morden, quartiere e località di Merton, quartiere meridionale di Londra. Un nuovo complesso della moschea è stato inaugurato nel 2023 dopo che un grave incendio aveva distrutto il precedente nel 2015. Hanno partecipato più di 1.200 persone. Tra queste, 550 dignitari e ospiti provenienti da trenta Paesi, tra cui ambasciatori, membri del Parlamento e accademici.  Il Califfo ha consegnato ad Adi Patricia Roche, fondatrice di “Chernobyl Children International” (CCI), il "Premio musulmano Ahmadiyya per il Progresso della Pace", e a David Spurdle, fondatore dell'associazione benefica “Stand By Me,” il "Premio musulmano Ahmadiyya per il Progresso della Pace". Entrambi si sono distinti per il loro sostegno e aiuto ai bisognosi, bambini in primis. Era presente anche Bitter Winter.

Anche se solo su invito, l'annuale Simposio per la Pace è uno dei due principali eventi pubblici degli Ahmadi nel Regno Unito, l'altro è la “Jalsa Salana” (“Raduno Annuale”), il loro incontro annuale di preghiera. Poiché il leader degli Ahmadi, Sua Santità Sahibzada Mirza Ahmad Masroor Sahib, il 5° Califfo, risiede nel complesso di Islamabad nel villaggio di Tilford, nella contea del Surrey, in Inghilterra, dove si trovano la sede internazionale dell'AMJ e la Moschea Mubarak ("Benedetta"), questi due eventi nel Regno Unito sono ovviamente anche i più importanti eventi ahmadi nel mondo. Sono anche eventi altamente politici.

L'uso della parola "politico" in questo contesto deve essere compreso correttamente. In realtà, l'AMJ è apolitica quando si tratta di politica di partito, ma è lecito usare questa parola in un senso più ampio e più nobile.

Immagine
2024-03-09 18th National Peace Symposium

Un'immagine del Simposio per la Pace


Pur essendo essenzialmente religiosi, la Jalsa Salana e il Simposio per la Pace degli Ahmadi nel Regno Unito sono anche eventi politici, perché (a) si rivolgono al mondo, (b) danno il tono della "polis" ahmadi - un'antica parola greca che possiamo usare qui per tradurre "jama'at", o "comunità" - e (c) mirano a far derivare il comportamento pubblico da una spiritualità tenuta in seria considerazione. Lo stesso Simposio annuale sulla pace è strategico anche per comprendere come il Califfo ahmadi intenda offrire l'Islam come mezzo di riconciliazione all'umanità: nelle parole pronunciate durante il suo discorso, "l'Islam insegna ai musulmani a non vacillare mai nella ricerca della pace".

Infatti, il Califfo insiste su questo argomento in numerose occasioni, sapendo perfettamente che altri usano i nomi dell'Islam, del Corano e di Maometto per giustificare la violenza e la guerra, offendendo in ultima analisi Dio. Lo ripete sia direttamente che indirettamente, pubblicamente e privatamente. "L'Islam", ha detto al Simposio sulla Pace 2024, "significa letteralmente 'pace' e ogni aspetto dei suoi insegnamenti riflette questo significato".

Molto importante è stato un altro passaggio del suo discorso. "Nel Sacro Corano", ha commentato, "Allah l'Onnipotente ordina che quando una persona o una nazione subisce un torto, non deve mai rispondere in modo sproporzionato o spingersi alla ricerca di vendetta". Questo vale ovviamente per tutte le parti coinvolte nei conflitti armati, compresi quelli in corso: per i nemici dei musulmani, ma anche per i musulmani stessi, che non possono giustificare il terrorismo (e nemmeno i loro avversari lo possono giustificare).

Ricordando che "dobbiamo unirci tutti, mettendo da parte gli interessi nazionali, politici e altri interessi particolari per il bene dell'umanità e per assicurarci di trasmettere un mondo prospero alle nostre generazioni future", il Califfo ha stigmatizzato "i leader politici e coloro che hanno accesso alle decisioni politiche" quando diventano "accecati dal desiderio egoistico di affermare la propria superiorità sugli altri", invece di adottare "una visione a lungo termine di ciò che è nel migliore interesse dell'umanità".

Forse è frutto della sensibilità personale di chi scrive, ma la prima volta che ha parlato dell'attuale guerra in Medio Oriente al Simposio per la Pace, il Califfo l'ha definita una guerra tra Israele e Hamas. Ha ripetuto questa formula durante il suo discorso, evitando la facile ma errata identificazione di Hamas con i palestinesi. Questa ermeneutica è stata addirittura rafforzata dalla critica del Califfo all'idea che il conflitto sia una "guerra di religione". Ha affermato che si tratta di un "conflitto geopolitico e territoriale". Si può essere d'accordo o meno con questa opinione, in tutto o in parte, ma è decisiva per la prospettiva degli ahmadi: il Califfo ha infatti aggiunto che, in quel contesto, la religione non è il problema, ma può fornire la soluzione.

Questa importante considerazione va collegata al severo giudizio del Califfo sulle Nazioni Unite. "Dove esiste un potere di veto", ha detto, "la bilancia della giustizia non potrà mai essere equilibrata... Purtroppo, a causa della sua intrinseca mancanza di giustizia, il destino delle Nazioni Unite sembra destinato a rispecchiare quello del suo fallito predecessore, la Società delle Nazioni. E se il sistema di diritto internazionale, per quanto debole, dovesse crollare completamente, l'anarchia e la distruzione che ne deriverebbero sono al di là della nostra comprensione".

Immagine
2024-03-09 The Caliph addressing the Peace Symposium

Il Califfo si rivolge al Simposio per la Pace


È impossibile limitare questa forte considerazione solo a una sezione geopolitica o a una regione del mondo. Il Califfo stava infatti parlando a un evento seguitissimo in diretta su YouTube, con numerosi e influenti rappresentanti del mondo politico, accademico, no-profit e mediatico provenienti da un'ampia varietà di Paesi. Quando un leader mondiale di questo peso, animato dal desiderio di costruire la pace per il mondo intero, critica la principale organizzazione internazionale che dovrebbe operare per la pace mondiale, il suo giudizio diventa un atto di accusa. Diversi sono infatti gli scenari in cui l'ONU, nata da un'ottima idea, appare impotente o addirittura pericolosa. Sebbene il Califfo abbia chiarito che la sua critica mira a sostenere l'importante ruolo che l'ONU dovrebbe svolgere, non a distruggerlo, sicuramente l'ONU deve aiutare i suoi collaboratori ad aiutarla.

Ora, quale può essere l'interesse di Bitter Winter, dato che si concentra sulla libertà religiosa, in un evento come il Simposio per la pace dell'AMJ? La risposta sta nella netta distinzione tra dialogo interreligioso e libertà religiosa. I due campi possono sovrapporsi e alcuni protagonisti operano in entrambi, ma restano comunque diversi. Al Simposio sulla Pace questo è stato molto chiaro. Alcuni dei partecipanti lavorano per costruire un dialogo interreligioso. Possono avere successo o meno. Ma questa non è l'ultima frontiera dell'impegno delle religioni per la pace.  La chiave per la pace rimane il diritto di ogni persona alla verità. A sua volta, ciò significa che nessuno deve mai diventare né vittima di chi nega la religione, né strumento nelle mani di chi abusa del nome di Dio per promuovere la violenza. Il diritto di tutti a credere deve essere rispettato. Se questo accade, si può immaginare un mondo più dignitoso, nonostante le differenze e i disaccordi teologici.

Il Califfo Ahmadi, leader di una comunità religiosa fortemente perseguitata, invita tutti a riconoscere questo livello minimo di umanità condivisa. Sì, tutto ruota intorno alla libertà religiosa.

Immagine
Fiona Bruce, Alessandro Amicarelli and Marco Respinti

Fiona Bruce nviata del Primo Ministro del Regno Unito per la libertà religiosa, con Alessandro Amicarelli and Marco Respinti

Articolo pubblicato anche su Bitter Winter