Islam

Agenti di polizia locale travestiti da civili dissacrano un'altra moschea Ahmadiyya a Faisalabad, Pakistan, nell'ambito della continua persecuzione degli Ahmadi sponsorizzata dallo stato

di CAPLC — Alcuni mesi fa, abbiamo riferito della demolizione dei minareti e delle cupole delle varie moschee Ahmadiyya in Pakistan, effettuata sotto la supervisione delle autorità di polizia locali. Purtroppo, ci dispiace dover nuovamente segnalare un'altra distruzione e demolizione in un insediamento rurale chiamato 261 R-B, Adhwali distretto Faisalabad, Pakistan. Questo atto profano è stato orchestrato dalla polizia locale travestita in abiti civili.

La “mappa islamica” del governo austriaco è una nuova caccia alle streghe

Hanno detto che l'installazione in Austria, nelle città di Vienna, Leopoldstadt e a Meidling, di alcuni cartelli con la scritta: Achtung! Politischer Islam in deiner Naehe (Attenzione l'Islam politico è vicino a te) sia stata solo una innocente provocazione. Di fatto, quei cartelli che indicano la presenza di un sito islamico nelle vicinanze è stata solo la logica conseguenza della presentazione da parte del Ministro dell'Integrazione, Susanne Raab (OeVP) della cosiddetta Mappa dei Luoghi dell'Islam (Islamland karte), cioè delle moschee e dei centri culturali islamici, presenti in tutto il territorio austriaco.

Per fermare il terrorismo islamico, si discriminano i movimenti religiosi non Musulmani

di Massimo Introvigne — Una relazione introduttiva alla Riunione Speciale della Tavola Rotonda sulla Libertà di Religione o di Credo in Belgio "La nuova legislazione fiamminga sulla religione: Un motivo di preoccupazione", 2 giugno 2021.

La nuova legislazione fiamminga sulla religione e le dichiarazioni dei politici sulla sua introduzione sono un altro esempio di quello che sta emergendo come un affascinante, anche se paradossale, fenomeno sociale e politico: la discriminazione di alcune religioni non Musulmane con il pretesto di combattere il terrorismo basato sull'Islam ultra-fondamentalista.

Ancora discriminati i convertiti all'Islam a Cuba

di Alessandro Amicarelli — I media cubani denunciano costantemente l'islamofobia negli Stati Uniti e in Europa, e dichiarano che l'islam è benvenuto nell'isola. In effetti, ci sono stati alcuni miglioramenti negli ultimi anni, che gli osservatori mettono in relazione ai rapporti internazionali di Cuba con paesi come l'Iran e l'Arabia Saudita, che difendono i diritti dei musulmani locali. Gli studenti provenienti da paesi musulmani non sono mai stati molestati per aver praticato tranquillamente la loro religione, ma la situazione era diversa per i convertiti cubani. Nel 2015, uno studioso ha riferito che Cuba ospitava 10.000 musulmani, di cui 3.000 erano nativi cubani che avevano trovato nell'Islam un'alternativa all'educazione atea marxista che avevano ricevuto.

Lettera aperta delle ONG alla Santa Sede sulla visita di Papa Francesco in Iraq

Come membri della società civile irachena e di ONG internazionali, accogliamo con soddisfazione la visita apostolica di Sua Santità Papa Francesco in Iraq nel marzo 2021. In questo momento critico della storia del Paese, la visita rappresenta un'importante opportunità per promuovere la pace e la tolleranza, riunendo le comunità etno-religiose e ispirando un'azione collettiva per prevenire ulteriori atrocità come quelle che hanno causato tanta sofferenza per generazioni.

Relazioni con la Cina: la Germania tradirà la promessa “Mai più” per interessi economici?

di Abdulhakim Idris — Nella comunità internazionale restano le tracce del trauma della seconda guerra mondiale. Specialmente in Germania, l'amministrazione nazista continua a essere ritenuta la responsabile. Mentre questo grande dolore persiste, il mondo sta sperimentando ancora una volta la realtà del genocidio. Ogni giorno emergono nuove prove e nuovi documenti sul genocidio compiuto dal Regime Comunista Cinese contro gli Uiguri Musulmani, i Kazaki, i Kirghisi e altre popolazioni del Turkestan orientale. Nonostante questa situazione innegabile, la visione dell'Unione Europea guidata dalla Germania che siede al tavolo con la Cina dimostra che l'Occidente ha dimenticato le parole "mai più" sulla scia dell'Olocausto.

Lo stato dell’Alabama citato in giudizio per aver escluso gli imam dalla Camera della Morte

di Alessandro Amicarelli — La settimana scorsa, l'imam Yusef Maisonet ha citato in giudizio cinque membri del Dipartimento di Correzione dello Stato dell'Alabama, tra cui un cappellano Cristiano, per una norma che non consente la presenza di consiglieri religiosi musulmani nella camera della morte quando vengono giustiziati dei prigionieri islamici.

Norvegia: donna Musulmana chiede alla CEDU di pronunciarsi sull'adozione forzata di suo figlio da parte di Cristiani

di Alessandro Amicarelli — Un numero sproporzionato di casi di adozione forzata alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) arriva dalla Norvegia. I servizi sociali norvegesi non esitano a privare i genitori dei loro diritti, accusandoli di negligenza e a dare i bambini in affidamento, il che porta alla loro adozione. Spesso, questo accade ai figli di indigenti genitori single immigrati, che finiscono per essere adottati da norvegesi benestanti.

'In Prison for Their Faith 2020', un nuovo rapporto che fornisce la mappa dei prigionieri di 13 gruppi religiosi a livello mondiale

Il 10 dicembre 2020 avevamo dato notizia di un appello sottoscritto da 14 ONG, tra cui FOB, alle autorità di Cina, Iran e Russia affinché liberino i religiosi prigionieri, a rischio di essere infettati dal COVID-19. Tale appello si basava sul rapporto annuale di HRWF: “In Prison for Their Faith 2020”. Oggi pubblichiamo una breve sintesi del rapporto di HRWF.

Da Charlie Hebdo a “The Boys”: “Libertà di espressione” e libertà religiosa

I recenti articoli pubblicati su questo sito mostrano un mai sopito e malcelato rigurgito intollerante verso le credenze altrui. La libertà di credo è tutelata dalla dichiarazione universale dei diritti umani e da dichiarazioni successive analoghe, ma alla luce dei fatti tale diritto necessita di costante ed ulteriore impegno affinché venga effettivamente riconosciuto e rispettato come diritto inalienabile. Di seguito pubblichiamo un articolo del prof. Massimo Introvigne, sociologo delle religioni di fama internazionale, che riporta un esempio di come sia facile cadere nell’intolleranza e nell’incitamento all’odio.

Francia: La “Legge contro il separatismo” prende di mira le “sette” ma anche l’Islam

Di Massimo Introvigne — In Francia è ritornato l'anti-settarismo. I media di tutto il mondo hanno riportato l'annuncio del presidente Macron su una nuova legge contro il "separatismo", spiegandola come una misura contro l'Islam radicale. È certamente vero che l'Islam è preso di mira ma, non per la prima volta, una legge introdotta per combattere i gruppi radicali islamici viene poi utilizzata contro altri movimenti religiosi. La legge russa contro l'estremismo ne è un chiaro esempio.

Dalla distanza sociale alla vicinanza della solidarietà musulmana ai tempi di Covid-19

di Vasco Fronzoni — Le comunità musulmane italiane hanno affrontato la sfida del contagio con uno spirito pragmatico. Come è noto, l'Islam non riconosce i leader universali, e quindi sceglie sulla base dei principi di riferimento generali, che nel caso delle epidemie si riferiscono a un hadith che prescrive «se si sente parlare di una pestilenza in una terra non entrarvi; e se scoppia nella terra in cui ti trovi, non andartene»

La cosiddetta normativa “anti moschee” tra politiche di governance e tutela della libertà di culto

Studio Scientifico della prof.ssa Germana Carobene, Consigliere di FOB sulla vicenda della "legge antimoschee" e della recente sentenza della Consulta. Germana Carobene è Ricercatrice di Diritto ecclesiastico e canonico nell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, Dipartimento di Scienze Politiche. Contributo pubblicato anche sulla rivista telematica Stato e Chiese.

Nessuna costrizione nella fede: libertà religiosa e apostasia nel diritto islamico e nella sua declinazione marocchina

Il saggio, passando dalla disamina dei principi di libero arbitrio e di predestinazione nel Diritto musulmano, analizza la valenza della nozione di libertà religiosa nell’islam, il cui paradigmatico referente coranico è contenuto nel versetto 256 della II sura. La libera determinazione in senso religioso tuttavia, pur costituendo un fattore fondante della società islamica (si pensi allo statuto speciale accordato dalla shari’a alle minoranze confessionali risiedenti nelle marche musulmane, quali dhimmiyun e mustaaminun) è selettiva, in quanto non si estende ai musulmani.