Studiosi e attivisti discutono sulle donne del Tai Ji Men

Sezione:
Alessandro Amicarelli, FOB Chairman

La Giornata delle Nazioni Unite per l'eliminazione della violenza contro le donne è stata un'occasione per celebrare le coraggiose donne dizi che hanno sopportato umiliazioni e sofferenze.

di Alex Amicarelli — Il 23 novembre 2021, il CESNUR, il Centro Studi sulle Nuove Religioni e Human Rights Without Frontiers hanno organizzato un altro dei webinar bimestrali sul caso del Tai Ji Men. In preparazione alla Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne (25 novembre), studiosi e attivisti dei diritti umani hanno discusso il tema "Donne, spiritualità e le proteste del Tai Ji Men".

Il webinar è stato introdotto da Daniela Bovolenta di Bitter Winter, che ha riassunto gli eventi principali del caso del Tai Ji Men. Ha spiegato che per Bitter Winter è importante denunciare sistematicamente le ingiustizie subite dal Tai Ji Men a Taiwan perché il caso è un esempio paradigmatico dell'uso di strumenti amministrativi per discriminare un movimento spirituale. La dottoressa Bovolenta ha anche detto che, guardando le immagini delle proteste del Tai Ji Men, ha osservato che molte donne hanno partecipato alle manifestazioni di strada.

Il video complete del webinar


La dottoressa Bovolenta ha fatto notare che il 25 novembre è stato scelto dalle Nazioni Unite come data per la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne per ricordare l'assassinio nel 1960 delle sorelle Mirabal, che stavano protestando contro il regime autoritario che allora governava la Repubblica Dominicana. Fortunatamente, nessuno è rimasto ucciso durante le proteste del Tai Ji Men, ha detto la dottoressa Bovolenta, ma le donne sono state vittime della brutalità della polizia, ed è opportuno celebrarle e onorarle in vista di questo giorno speciale.

La dottoressa Bovolenta ha poi introdotto un video con la storia della signora Huang, una volontaria della Lega per la riforma legale e fiscale e una dizi (discepola) di Tai Ji Men che è stata arrestata dalla polizia il 19 settembre 2020, per il semplice fatto di aver mostrato un cartello di protesta. La dottoressa Bovolenta ha anche presentato tre documenti.

Massimo Introvigne, un sociologo italiano che è direttore generale del CESNUR e caporedattore di Bitter Winter, ha notato che i sociologi hanno discusso per decenni il fenomeno che chiamano "gender gap nella religione", cioè il fatto che nella maggior parte delle religioni e dei gruppi spirituali nel mondo ci sono più donne che uomini. Questo è stato spiegato da alcuni sociologi con ragioni sociali, tra cui il fatto che le donne passano meno tempo sul posto di lavoro o in attività pubbliche, dove sarebbero sottoposte all'influenza di fattori secolarizzanti. Altri sostengono che le donne sono intrinsecamente più spirituali per ragioni fisiologiche o per una naturale connessione diretta con il sacro.

Mentre il dibattito continua, ha osservato Introvigne, un lato oscuro del gender gap è che coloro che vogliono attaccare i gruppi spirituali attaccano le donne, per motivi pratici e anche simbolici. Questo è successo anche nel caso del Tai Ji Men. La shimu, cioè la moglie dello shifu (Gran Maestro) del Tai Ji Men, il dottor Hong Tao-Tze, è stata arrestata nel 1996 insieme al marito, e successivamente riconosciuta innocente come lui di tutte le accuse. Il caso della signora Huang mostra anche come le donne devote al Tai Ji Men diventino un facile bersaglio della brutalità della polizia.

An image of the webinar

Un'immagine del webinar


Willy Fautré, direttore e co-fondatore di Human Rights Without Frontiers, ha parlato del lavoro che la sua organizzazione svolge per combattere la violenza e gli abusi contro le donne. Questo fenomeno, purtroppo molto diffuso, avviene in tre aree principali: la violenza domestica, il delitto "d'onore" di donne che si sarebbero comportate male, sessualmente o convertendosi a una religione non approvata dalle loro e la mutilazione genitale femminile.

Le religioni sono talvolta corresponsabili di questa violenza, o non agiscono a sufficienza contro di essa. Da qui, ha concluso Fautré, la necessità che movimenti spirituali come il Tai Ji Men, che sono attivi e molto rispettati alle Nazioni Unite, non solo protestino per gli abusi perpetrati nei loro confronti, ma utilizzino le loro competenze nella promozione della pace globale e degli eventi d'amore al servizio delle donne sofferenti del mondo.

Thea Crudi, una cantante spirituale finlandese-italiana, ha spiegato di aver conosciuto il Tai Ji Men attraverso la sua partecipazione alle attività di Fedinsieme, il comitato per la promozione del dialogo interreligioso e interculturale fondato dall'avvocato italiano Francesco Curto. Sebbene non abbia mai incontrato lo shifu del Tai Ji Men, il dottor Hong Tao-Tze, Thea ha detto di aver letto articoli e guardato video sulla sua impressionante attività a favore della pace nel mondo, e ha anche studiato il caso del Tai Ji Me.

Si è detta molto sorpresa di come il sistema amministrativo di Taiwan si sia comportato illogicamente verso il Tai Ji Men, creando inutili sofferenze. Ha aggiunto di essere stata colpita anche dalla testimonianza e dal coraggio delle donne del Tai Ji Men, alle quali ha dedicato la sua canzone di un mantra di pace indiano.

Thea Crudi

Thea Crudi che canta


Ho poi introdotto un video del giurista americano Kenneth Jacobsen, un rinomato esperto di diritti umani e diritto fiscale, che ha anche sottolineato l'incoerenza e l'ingiustizia del caso del Tai Ji Men. Ho sottolineato l'importante presenza delle donne nel movimento del Tai Ji Men, e ho reso omaggio al loro coraggio nelle proteste di strada, prima di introdurre sei testimoni.

H.N. Lam, un osservatore dei diritti umani per l'Associazione dei Cittadini del Mondo, ha riferito la sua esperienza riguardo a diversi casi a Taiwan in cui lo stato di diritto e la giustizia fiscale non sono stati rispettati. Ha notato che i casi di grave ingiustizia fiscale, di cui il caso del Tai Ji Men è il più noto a livello internazionale, sono una macchia sulla reputazione internazionale di Taiwan. Lam ha anche osservato che rinomati esperti internazionali di diritto fiscale, diritti umani e libertà di religione o di credo si sono interessati al caso del Tai Ji Men, e la loro opinione è unanime: sono state commesse gravi ingiustizie nei confronti del Tai Ji Men.

Dong Heng-E, un’imprenditrice e dizi, ha raccontato della felicità fisica e spirituale raggiunta attraverso la sua pratica del qigong e dell'auto-coltivazione nelle accademie del Tai Ji Men. Ha anche raccontato la sua dolorosa e umiliante esperienza quando si è resa conto di non essere stata presa sul serio quando aveva detto alle autorità, per anni, che quello che metteva nelle cosiddette buste rosse e dava al suo shifu erano regali, e non tasse scolastiche di una presunta scuola di recupero come aveva sostenuto il National Taxation Bureau.

È stata ancora più umiliata quando i burocrati del fisco si sono rifiutati di incontrarla, e quando il suo tentativo di incontrare il direttore del National Taxation Bureau di Taipei è sfociato in un'aggressione fisica da parte delle guardie di sicurezza che le ha provocato lesioni su tutto il corpo. Mentre le ferite fisiche sono guarite, l'angoscia e gli incubi di quell'esperienza la accompagnano ancora, come hanno compreso chiaramente coloro che hanno assistito alla sua commovente testimonianza.

Susan Su

La testimonianza di Susan Su


Susan Su, un'educatrice e dizi del Tai Ji Men, ha riferito come la pratica del qigong e dell'arte marziale l'abbiano aiutata a risolvere problemi fisici e psicologici, e quanto fosse stata felice di aver partecipato alla Conferenza della Gioventù delle Nazioni Unite nel 2008 insieme alla dottoressa Hong. Partecipando agli eventi delle Nazioni Unite, ha anche preso coscienza della gravità del problema degli abusi nei confronti delle donne.

Il caso della signora Huang, ha detto, dimostra come le donne che protestano e difendono i loro diritti vengano facilmente maltrattate, ma non è l'unico caso di sofferenza vissuto dalle donne del Tai Ji Men. Sono state ridicolizzate, maltrattate e discriminate nelle scuole, nelle università e nei posti di lavoro. Su ha espresso la speranza che il sostegno di così tanti studiosi internazionali e attivisti dei diritti umani possa convincere il governo di Taiwan a rettificare la sua posizione.

Ho Li-Jun, una dizi del Tai Ji Men e impiegata statale in pensione, ha offerto un esempio drammatico dell'esperienza delle donne dopo la repressione del movimento del 1996. È stata discriminata sul posto di lavoro e i suoi due figli più piccoli sono stati oggetto di bullismo a scuola. Suo marito, che aveva creduto alle calunnie dei media contro il Tai Ji Men, la percuoteva cercando di costringerla a lasciare il movimento, e addirittura aveva chiuso Ho fuori dalla casa di famiglia. Dopo 25 anni, le menzogne dei media contro il Tai Ji Men sono state smascherate ma il caso non è ancora risolto, lasciandola a domandarsi quanto a lungo debba continuare questa sofferenza.

Paul Chen, un ingegnere di firmware e dizi, ha raccontato come il qigong del Tai Ji Men abbia aiutato sua madre, che stava lottando contro il cancro, e lui stesso a sviluppare il carattere brillante per cui ora è conosciuto. Ha anche raccontato di aver visitato diversi paesi, tra cui il Bahrain, diffondendo il messaggio di pace e amore del Tai Ji Men. Chen ha anche espresso la speranza che un tentativo dell'ultimo minuto potesse salvare la terra sacra del Tai Ji Men, messa all'asta e poi confiscata nel 2020, e della sua delusione quando questo non si era verificato e l'ingiustizia era continuata.

Un'altra dizi, Sandra Ma, che vive negli Stati Uniti, ha riferito come suo figlio, che soffriva di asma, sia stato molto aiutato dalla pratica del Tai Ji Men. Ha anche discusso il ruolo che le due accademie del Tai Ji Men in California hanno avuto nel diffondere la cultura tradizionale cinese negli Stati Uniti. Ma ha offerto un'analisi approfondita della pratica delle "buste rosse" che i discepoli danno ai loro maestri di arti marziali o spirituali.

Non sono mai state considerate come tasse scolastiche e non sono mai state tassate a Taiwan. Questo corrisponde a ciò che lei chiama "un'antica tradizione di rituali e cerimonie", e ha fatto notare che è assurdo che solo nel caso del Tai Ji Men il contenuto delle buste rosse sia stato tassato come presunte tasse scolastiche.

Marco Respinti, direttore responsabile di Bitter Winter, ha riassunto i tre temi principali del webinar. Il primo, ha detto, riguardava il genio femminile, presentato attraverso categorie come ammirazione, bellezza, imitazione di ciò che ammiriamo, abbraccio, resilienza. Il secondo era la violenza contro le donne, perpetrata in molte forme a cui Respinti ha aggiunto il "gendercidio" attraverso l'aborto selettivo delle neonate. Dio non è responsabile della violenza contro le donne, ha detto Respinti, ma alcune religioni a volte lo sono.

Il terzo tema riguardava la violenza contro le donne del Tai Ji Men attraverso il ridicolo, la discriminazione, la calunnia, e in alcune occasioni anche l'ingiusta detenzione, come è successo alla moglie del dottor Hong, la brutalità della polizia, come nel caso della signora Huang, e l'aggressione fisica, come ha raccontato la signora Dong. Celebrare il coraggio delle donne di Tai Ji Men non è sufficiente, ha concluso Respinti, dovremmo imitarle e continuare a lottare per la giustizia e i diritti umani.

musical video frame

Dal video musicale


Il webinar si è concluso con un video musicale, The Truth Will Come Out of the End, che ha dato un tocco musicale alla storia del caso del Tai Ji Men esprimendo la fiducia dei dizi che le bugie e gli abusi non possono essere perpetuati per sempre.


Questo articolo è stato pubblicato (in inglese) anche su Bitter Winter

Tag