Inizia la campagna del terrore per i Testimoni di Geova in Russia

Sezione:
Raids in Russia

La polizia ha condotto raid aggressivi contro i Testimoni di Geova in almeno sette città in tutta la Russia. In quella che sembra essere una campagna coordinata, le forze speciali di polizia (OMON) hanno fatto irruzione nelle case dei Testimoni, indossando a volte dei passamontagna e imbracciando mitragliatrici, e hanno puntato le armi contro di loro arrestando giovani e vecchi per sottoporli a interrogatori.

802018870_univ_cnt_1_400.jpg

Arkadya Akopyan, con sua moglie, Sonya, e le loro due nipoti

Lo scorso anno le autorità hanno dato avvio ad almeno dieci indagini penali e hanno incarcerato cinque Testimoni, tra cui Dennis Christensen, che è in custodia cautelare dal 25 maggio 2017. Un altro Testimone, il 69enne Arkadya Akopyan, è attualmente inquisito nella Repubblica di Cabardino-Balcaria. Potrebbero essere tutti condannati a pene detentive da due a dieci anni per il solo fatto di essersi incontrati per i servizi religiosi.

Il 20 aprile 2017 la Corte Suprema della Federazione Russa ha bandito il Centro Amministrativo dei Testimoni di Geova e tutte le 395 entità giuridiche locali dei Testimoni. Durante l’udienza della Corte Suprema, il governo russo ha affermato che sebbene stesse sciogliendo le entità giuridiche dei Testimoni di Geova, i singoli Testimoni erano liberi di praticare la loro fede. Tuttavia, l’affermazione del governo non trova riscontro nelle sue azioni.

Ora che le autorità russe hanno chiuso le entità giuridiche dei Testimoni di Geova e hanno iniziato a confiscare le proprietà dei Testimoni, stanno trasformando il loro attacco concentrandosi sulle persone e sul loro culto. Ora, per gli oltre 175.000 testimoni di Geova in Russia, praticare la propria fede sta diventando un reato penale.

Testimoni attualmente in custodia cautelare:

Dennis Christensen 45 anni, Oryol, detenuto dal 25 maggio 2017 e condannato a rimanere in carcere fino al 1 agosto 2018.
Valentin Osadchuk 42 anni, Vladivostok, detenuto dal 19 aprile 2018 e condannato a rimanere in carcere fino al 20 giugno 2018.
Viktor Trofimov 61 anni, Polyarny, detenuto dal 18 aprile 2018 e condannato a rimanere in carcere fino al 12 giugno 2018.
Roman Markin 44 anni, Polyarny, detenuto dal 18 aprile 2018 e condannato a rimanere in carcere fino al 11 giugno 2018.
Anatoliy Vilitkevich 31 anni, Ufa, detenuto dal 10 aprile 2018 e condannato a rimanere in carcere fino al 2 giugno 2018.

 

802018870_e_lsr_lg.jpg

I luoghi delle dieci indagini: Belgorod, Shuya, Prohladniy, Mayskiy, Kemerovo, Polyarny, Oryol, Ufa, and Vladivostok.

Dal gennaio 2018, le forze dell'ordine hanno preso di mira i testimoni di Geova con crescente frequenza.

20 aprile 2018, Shuya, regione di Ivanovo: Le forze dell'ordine hanno perquisito le case di quattro Testimoni. Gli agenti hanno portato Dmitrij Mihailov alla stazione di polizia, lo hanno messo in custodia e in seguito rilasciato. Le autorità hanno aperto un'indagine penale e l'hanno accusato ai sensi dell'articolo 282.2 (2) del codice penale di "partecipare alle attività di un'organizzazione estremista". Non gli è permesso di lasciare Shuya fino a nuovo avviso.

19 aprile 2018, Vladivostok: La polizia e il Servizio di Sicurezza Federale (FSB) hanno fatto irruzione in un appartamento e hanno portato Valentin Osadchuk e tre donne anziane alla stazione di polizia per l'interrogatorio. Le autorità hanno accusato il signor Osadchuk ai sensi dell’articolo 282.2 (2) del codice penale, che prevede una pena detentiva da due a quattro anni e lo hanno sottoposto a custodia cautelare. Il 23 aprile, la Corte distrettuale di Frunzenskiy ha esteso la custodia cautelare di Osadchuk fino al 20 giugno 2018. Attualmente è detenuto nel carcere n. 1 di Vladivostok.

18 aprile 2018, Polyarny, regione di Murmansk: A tarda sera, agenti della polizia e dell'OMON (coi volti coperti) armati di mitragliatrici hanno sfondato la porta della casa di Roman Markin. Gli ufficiali lo hanno fatto sdraiare a terra sotto la minaccia delle armi. La figlia adolescente, vedendo gli ufficiali armati, si è gettata immediatamente a terra coprendosi la testa con le braccia. La polizia ha perquisito i locali, dopo di che ha portato il signor Markin alla stazione di polizia sottoponendolo a custodia cautelare.
Quella stessa sera, la polizia ha perquisito le case di altri 14 Testimoni della zona e ha confiscato telefoni cellulari, tablet e altri oggetti personali. La polizia ha poi portato i Testimoni alla stazione di polizia per interrogarli. Le autorità locali hanno avviato un procedimento penale contro il signor Markin e contro un altro Testimone locale, Viktor Trofimov. Entrambi sono stati accusati ai sensi dell'articolo 282, paragrafo 2, comma 1, del codice penale "organizzare l'attività di un'organizzazione estremista". Se condannati, rischiano pene detentive da sei a dieci anni. Entrambi gli uomini sono in custodia cautelare nella prigione n. 1 di Murmansk.

10 aprile 2018, Distretto di Zaton, Ufa: Tra le 6:30 e le 7:00, gli investigatori e gli agenti dell'OMON hanno fatto irruzione nelle case di diversi Testimoni perquisendole. Durante le perquisizioni, gli agenti hanno interrogato i Testimoni. In un caso, un ufficiale ha detto a una delle vittime: "Ti lasceremo andare non appena dichiarerai di non essere un membro dell'organizzazione dei testimoni di Geova". In un altro caso, un ufficiale ha detto a una vittima: “Stiamo liberando la terra da voi”. Tutti i Testimoni sono stati portati alla stazione di polizia dove sono state prese le loro impronte digitali e sono stati sottoposti ad altre domande.
Nel raid in casa dei signori Khafizov, gli agenti hanno puntato le armi contro la coppia e hanno iniziato a perquisire i locali. Dopo la ricerca, un poliziotto ha afferrato la signora Khafizova per un braccio, l'ha spinta sulla macchina della polizia e l'ha portata alla stazione per l'interrogatorio. Il signor Khafizov non è un Testimone di Geova.

802018870_univ_cnt_2_400.jpg

Anatoliy con Alyona Vilitkevich, prima del suo arresto

Gli agenti hanno fatto irruzione in casa di Anatoliy Vilitkevich e lo hanno arrestato. Hanno detto a sua moglie che non avrebbe rivisto suo marito "per molto tempo". Le autorità lo hanno accusato ai sensi dell'articolo 282.2 (1) del codice penale "organizzare l'attività di un'organizzazione estremista" e lo stanno trattenendo in custodia cautelare fino al 2 giugno 2018. Se condannato, rischia fino a dieci anni di carcere.

Marzo 2018, Oryol: Oltre al caso penale in corso di Dennis Christensen, le autorità hanno avviato una seconda indagine penale contro un altro Testimone, Sergey Skrynnikov, in seguito alla perquisizione di sette case a Oryol nel maggio 2017. Il signor Skrynnikov non è stato ancora incriminato. È stato accusato ai sensi dell'articolo 282.2, paragrafo 2, di "partecipare all'attività di un'organizzazione estremista". Se condannato, rischia una pena detentiva da due a quattro anni.

7 febbraio 2018, Belgorod: Grandi gruppi di agenti delle forze dell'ordine hanno fatto irruzione in almeno dieci case dei Testimoni. Gli agenti hanno gettato con forza diversi proprietari di case sul pavimento o li hanno bloccati contro il muro. La polizia ha perquisito le case e ha confiscato dispositivi elettronici, passaporti, fotografie e denaro. Poi hanno portato tutti i Testimoni alla stazione di polizia, li hanno interrogati e li hanno rilasciati tutti tranne Anatoly Shalyapin e Sergei Voikov. La polizia ha arrestato i due uomini per 48 ore prima di liberarli definitivamente. Tuttavia, a entrambi gli uomini non è permesso lasciare Belgorod.

23 gennaio 2018, Kemerovo: La polizia ha fatto irruzione e perquisito 12 case dei Testimoni confiscando tutti i dispositivi elettronici, la letteratura religiosa e molti documenti. Prima delle incursioni, un uomo che fingeva di essere un testimone di Geova aveva partecipato alle riunioni dei Testimoni e li aveva registrati segretamente per poi dare le registrazioni alla polizia. Sulla scorta di queste registrazioni, le autorità hanno avviato un'indagine penale.

La sentenza della Corte Suprema separa potenzialmente le famiglie

Oltre a queste azioni sproporzionate della polizia e del FSB, le autorità russe hanno decretato che lo Stato può sequestrare i figli dei testimoni di Geova per "risocializzarli". Il 14 novembre 2017, il Plenum della Corte Suprema della Federazione Russa ha stabilito, nella risoluzione n. 44, che i genitori possono essere "privati della patria potestà da parte di un tribunale" se coinvolgono i loro figli in un'organizzazione religiosa che è stata vietata come “estremista".

Il 23 novembre 2017, il Ministero dell'Istruzione e della Scienza ha emanato una "raccomandazione" nazionale che chiedeva la "risocializzazione" dei bambini esposti a "estremismi religiosi". . . ideologia. "Il ministero ha individuato solo due gruppi di bambini: quelli dei membri dell'ISIS e quelli dei Testimoni di Geova e ha rilevato che "decine di migliaia di bambini e adolescenti" hanno genitori che sono Testimoni di Geova. Finora nessun bambino Testimone è stato portato via dai loro genitori.

Quando finirà la campagna del terrore?

Nessun altro stato membro del Consiglio d'Europa ha promosso un attacco così grave contro una minoranza religiosa pacifica. I Testimoni di Geova in Russia non possono più incontrarsi apertamente per celebrare il culto o leggere e studiare la Bibbia. Per evitare l'arresto e le azioni penali, devono fare i servizi religiosi in segreto, come durante l'era sovietica.
I Testimoni di Geova di tutto il mondo sono profondamente preoccupati per i loro compagni di fede in Russia e per ciò che questa campagna sponsorizzata dal governo significherà per loro emotivamente, spiritualmente e fisicamente. Philip Brumley, consigliere generale dei Testimoni di Geova, ha dichiarato: "Il governo russo dovrebbe fermare questi abusi e tener fede ai propri impegni internazionali di rispettare i diritti umani e la libertà religiosa. Ora che le autorità sono passate dall'attaccare le entità giuridiche dei Testimoni a incarcerare le persone, quale sarà il prossimo passo per i Testimoni di Geova in Russia?".

Fonte: https://www.jw.org/en/news/legal/by-region/russia/campaign-of-terror-fo…