La discriminazione di Tai Ji Men discussa il 1° marzo, Giornata della Discriminazione Zero delle Nazioni Unite

Sezione:
Zero Discrimination Day symbol

di Daniela Bovolenta — Il 1° marzo è la Giornata della Discriminazione Zero delle Nazioni Unite, e ha offerto l'occasione per uno dei webinar bimestrali sul caso Tai Ji Men organizzati dal CESNUR (Centro Studi sulle Nuove Religioni) e dalla ONG con sede a Bruxelles Human Rights Without Frontiers.

Il tema del webinar era "Tai Ji Men: 25 anni di discriminazione” ed è stato introdotto da Alessandro Amicarelli, presidente della European Federation for Freedom of Belief (FOB), che ha ricordato al pubblico sia la grave ingiustizia del caso Tai Ji Men sia la straordinaria mobilitazione di studiosi e attivisti per i diritti umani di tutti i continenti a sostegno di Tai Ji Men. Amicarelli ha detto che, se il 1° marzo è la Giornata della Discriminazione Zero delle Nazioni Unite, il 28 febbraio è il giorno in cui i taiwanesi ricordano l'Incidente 228 del 28 febbraio 1947. Intorno a quella data, in migliaia e forse decine di migliaia morirono nella repressione delle proteste contro il governo. Il ricordo dell'Incidente 228, ha osservato Amicarelli, rammenta a tutti noi, e anche alle autorità taiwanesi, che la democrazia non dovrebbe mai essere data per scontata e richiede uno sforzo per rettificare le ingiustizie del passato, cosa che vale anche per il caso Tai Ji Men.

Video completo del webinar (in inglese)


Amicarelli ha presentato un video sugli eventi iniziati nel dicembre 1996, che hanno inaugurato il caso Tai Ji Men e prodotto "il più freddo degli inverni per lo 'shifu' (Gran Maestro) e i 'dizi' (discepoli) di Tai Ji Men”, provocando enormi e inutili sofferenze. Amicarelli ha poi introdotto gli interventi di tre studiosi internazionali.

Karolina Maria Hess, ricercatrice presso il Center for Comparative Studies of Civilizations dell'Università Jagellonica, in Polonia, ha detto che in questi giorni ha presa una pausa dal lavoro per aiutare i rifugiati della guerra in Ucraina che sono giunti nel suo Paese per partecipare al webinar. Quanto sta accadendo in Ucraina, ha detto, le ha ricordato che l'Europa è sempre stata piena di tensioni, anche in campo religioso, e che sperava di trovare una situazione più tranquilla quando ha iniziato a studiare religione a Taiwan. Ha riferito di aver avuto una buona impressione sulla libertà religiosa a Taiwan, fino a quando non ha iniziato a studiare il caso Tai Ji Men, che le è sembrato "assurdo". Ha discusso varie possibili spiegazioni sul perché ciò sia accaduto a Taiwan, che è altrimenti orgogliosa della propria libertà religiosa, e ha concluso che sembrano esistere problemi sistemici in quello che ha definito il "meccanismo" disfunzionale della burocrazia taiwanese.

PierLuigi Zoccatelli, docente di Sociologia delle Religioni presso la Pontificia Università Salesiana di Torino, ha analizzato il complicato rapporto tra discriminazioni e religioni. I gruppi religiosi sono spesso accusati di discriminazioni, ad esempio contro coloro che non sono membri di una determinata religione, o contro donne od omosessuali. I tribunali dei paesi democratici, ha detto Zoccatelli, hanno riconosciuto che fa parte della libertà di religione o di credo che le religioni e i gruppi spirituali abbiano il diritto di auto-organizzarsi come ritengono opportuno, anche se ciò comporta alcune discriminazioni. Al contrario, gli stati dovrebbero trattare tutte le religioni allo stesso modo e non dovrebbero discriminare un gruppo religioso o spirituale e favorire gli altri. Nel caso Tai Ji Men, ha affermato Zoccatelli, entrambi i princìpi sono stati violati, in quanto il governo non ha rispettato i diritti di auto-organizzazione di Tai Ji Men e allo stesso tempo lo ha discriminato rispetto ad altri gruppi, che raccolgono donazioni in modo simile, ma che non sono stati colpiti da tasse infondate.

Massimo Introvigne, sociologo italiano che ricopre la carica di direttore generale del CESNUR, ha citato il “Modello Roma” che ha contribuito a formulare nel 2011, quando era Rappresentante dell'OSCE (Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa) per la lotta al razzismo, alla xenofobia, e all’intolleranza e discriminazione religiosa. Il Modello Roma è una rappresentazione del pendio scivoloso che porta dall'intolleranza alla discriminazione e dalla discriminazione alla persecuzione. Il modello può essere applicato perfettamente, ha detto Introvigne, al caso Tai Ji Men. Il procuratore Hou Kuan-Jen, che ha avviato il caso Tai Ji Men, ha promosso l'intolleranza contro Tai Ji Men tramite la calunnia nei media, che è diventata discriminazione quando ha cercato di sciogliere Tai Ji Men, di scatenare contro di loro il National Taxation Bureau (NTB) e persino di tagliare la fornitura di acqua ed elettricità alle loro accademie. Ha anche creato persecuzioni, poiché ha arrestato il leader di Tai Ji Men, il dottor Hong Tao-Tze, sua moglie e due dizi, e ha usato metodi violenti per intimidire gli imputati e i dizi in generale.

Amicarelli ha quindi presentato un video in cui Marco Respinti, giornalista italiano e direttore responsabile di "Bitter Winter", ha riflettuto sulla parola "discriminazione". In origine, ha spiegato, non aveva un senso negativo, e in inglese significava semplicemente essere in grado di capire le differenze tra le situazioni e agire di conseguenza. Il significato delle parole, tuttavia, può cambiare nel tempo. “Discriminazione” venne a significare un'ingiusta emarginazione o stigmatizzazione delle minoranze. In questo caso, la comunità internazionale cerca, lodevolmente, di eliminare ogni discriminazione. Mentre la parola "discriminazione" può anche essere manipolata e abusata, ha detto Respinti, Tai Ji Men offre un chiaro caso di un gruppo ingiustamente e severamente discriminato nel senso più stretto del termine.

Immagine
Protesta di Tai Ji Men a Taiwan

Protesta di Tai Ji Men a Taiwan


La seconda parte del webinar è stata introdotta da Camelia Marin, vicedirettrice dell'ONG Soteria International, che ha delineato il lavoro delle Nazioni Unite contro la discriminazione, nel contesto degli attuali tragici eventi internazionali. Ha presentato un video in cui il professor Kenneth Jacobsen della Temple University School of Law di Filadelfia, Massimo Introvigne, Rosita Šorytė, vicedirettore di "Bitter Winter" e Marco Respinti hanno espresso il loro sostegno a Tai Ji Men e hanno espresso i loro auguri per il capodanno cinese. Un altro video presentava le tradizionali celebrazioni del capodanno lunare di Tai Ji Men, a cui hanno partecipato dizi e ospiti provenienti da circa 80 paesi diversi nel corso degli anni. Marin ha poi presentato le testimonianze di alcuni dizi di Tai Ji Men provenienti da tutto il mondo.

Jason Cherng, un consulente per piccole e medie imprese di Taiwan, ha menzionato i benefici che ha tratto dalla pratica del Tai Ji Men come saggezza, benessere e ricchezza, in particolare ricchezza spirituale. Il simbolo della Giornata della Discriminazione Zero è una farfalla, che simboleggia trasformazione, rinascita, bellezza e libertà. Cherng ha recitato una poesia che mostra come questi siano i valori che ha imparato dal Dr. Hong durante i suoi trent'anni di pratica del Tai Ji Men. Allo stesso tempo, sono i valori sistematicamente negati dai burocrati canaglia che hanno creato il caso Tai Ji Men.

Judy Lo, che lavora come senior product manager in un'azienda elettronica taiwanese, ha raccontato la sua esperienza da bambina in una famiglia di dizi quando è iniziato il caso Tai Ji Men nel 1996. Ha sperimentato molto precocemente l’essere discriminata a causa delle calunnie dei media contro il movimento. In seguito ha studiato psicologia e ha capito che la discriminazione è un problema psicologico che colpisce coloro che si sentono a disagio e hanno paura quando incontrano persone che hanno atteggiamenti e idee diverse. Il problema nel caso Tai Ji Men, ha detto Lo, è che le persone al potere come burocrati avevano meccanismi psicologici di adattamento difettosi che lasciavano prevalere i loro atteggiamenti discriminatori e negativi e perseguitavano i dizi poiché li consideravano "diversi" da se stessi. In una società taiwanese psicologicamente sana, ha concluso Lo, le ingiustizie perpetrate dovrebbero essere rettificate.

Lin Hung-Hsien, funzionario pubblico nel campo dell'aviazione a Taiwan, ha menzionato il "Modello groviera" ampiamente utilizzato nelle pratiche di sicurezza aerea. Il formaggio groviera ha dei buchi, ma rimane intero perché questi buchi non sono contigui tra loro. Se accidentalmente i fori si allineassero, il formaggio verrebbe tagliato o crollerebbe. Nella teoria della gestione del rischio, i buchi sono guasti che non sono fatali se compensati da una prevalenza di parti normalmente funzionanti del sistema. Se si verificano più guasti contemporaneamente, tuttavia, si allineano e creano un effetto che porta a incidenti mortali. Il "modello groviera", ha affermato Lin, può essere applicato anche a un sistema politico e amministrativo e spiega cosa è successo nel caso Tai Ji Men. Un pubblico ministero, diversi uffici di NTB, il Ministero delle Finanze e in seguito l'Administration Enforcement Agency non hanno lavorato in modo corretto e onesto e la somma dei loro fallimenti ha causato l'interruzione del sistema creando un disastro per i diritti umani.

Immagine
Ashley Huang durante il webinar

Ashley Huang durante il webinar


Ashley Huang è una studentessa universitaria a Taiwan con una specializzazione in Insegnamento di Sostegno ed Educazione Bilingue. Ha spiegato che l'Insegnamento di Sostegno mira a rimuovere tutte le discriminazioni e le barriere che possono interessare gli studenti con bisogni speciali. Ha condiviso la sua esperienza di viaggio con il dottor Hong a una delle conferenze internazionali dei capi della giustizia mondiale tenutasi presso la City Montessori School a Lucknow, in India. Quest'ultima è la scuola più grande del mondo e prende il nome dalla pedagogista italiana Maria Montessori, pioniera nella lotta contro ogni tipo di discriminazione nelle scuole. Huang ha detto che il suo studio sulle discriminazioni nel sistema educativo l'ha messa in una posizione migliore per comprendere la natura profondamente discriminatoria del caso Tai Ji Men. L'ha anche resa una appassionata combattente delle discriminazioni contro Tai Ji Men.

Bobby Chen, che studia animazione in Canada, ha insistito sul sistema immorale dei bonus fiscali, una delle cause profonde della corruzione a Taiwan. In altri paesi democratici, ha detto Chen, quando c'è un surplus fiscale viene restituito in diversi modi ai contribuenti, mentre a Taiwan ogni possibile surplus viene di fatto utilizzato per i bonus che finiscono nelle tasche dei burocrati. L'immoralità del sistema dei bonus si è manifestata chiaramente nel caso Tai Ji Men, ha osservato Chen, e ha anche incentivato il National Taxation Bureau e l'Administration Enforcement Agency a diffondere calunnie contro Tai Ji Men nei media, cercando di giustificare le azioni che legittimavano i loro bonus.

Due video contenevano testimonianze di esperti taiwanesi. Il professor Wei Suz-Tsung, del Dipartimento di Economia Aziendale dell'Università Cattolica Fu Jen di Taiwan, si è lamentato del fallimento di tutti i tentativi di riforma fiscale a Taiwan. La legge marziale e il terrore bianco, ha detto, sono considerati resti del passato a Taiwan, ma esistono ancora in campo fiscale.

Immagine
Dal video del Professor Wei Suz-Tsung

Dal video del Professor Wei Suz-Tsung


Gau Ding-Yi, osservatore dei diritti umani a Taiwan per l'Associazione dei Cittadini del Mondo, ha spiegato che a Taiwan i contribuenti che vogliono sporgere reclamo contro una cartella esattoriale devono prima pagare metà del denaro richiesto. Ora è stato ridotto a un terzo, ma questo importo è ancora molto significativo e non cambia l'ingiustizia del sistema. Gau ha citato diversi esempi di contribuenti che sono stati rovinati per l’incapacità di versare gli anticipi richiesti per contestare le imposte ingiuste. Questa ingiustizia del sistema fiscale si riflette anche sul caso Tai Ji Men, ha detto Gau, evidenziando la necessità di una riforma seria e profonda.

Willy Fautré, co-fondatore e direttore di Human Rights Without Frontiers, ha tirato le conclusioni del webinar, osservando che diversi relatori hanno esaminato la discriminazione da diversi punti di vista, ma tutti hanno convenuto che il caso Tai Ji Men è un esempio eclatante di discriminazione che continua da più di 25 anni.

Il webinar si è concluso con un video che mostrava esibizioni che nel 2016 hanno celebrato il 50° anniversario della fondazione dell'Accademia di Qigong Tai Ji Men. Resistendo alla discriminazione, Tai Ji Men continua a offrire al mondo bellezza e un messaggio di amore e pace.

Fonte: Bitter Winter

 

Tag