Le ONG firmano una lettera di preoccupazione sul caso Tai Ji Men

Sezione:
Tai Ji Men logo

Il Tai Ji Men è una scuola spirituale altamente lodata da molte personalità di Taiwan.

In qualità di Federazione Europea per la Libertà di Credo (FOB) ci occupiamo di casi di discriminazione nei confronti delle minoranze religiose e spirituali e anche dei loro membri.

Più di una volta le questioni fiscali sono state utilizzate dai governi a scapito di alcuni gruppi al fine di interrompere le loro attività, ad esempio quando i gruppi crescevano troppo velocemente o quando non erano graditi dalle autorità.

A volte a questi gruppi viene negato lo status di esenzione fiscale, o lo status viene revocato dopo che ne hanno goduto per un certo periodo.

Ciò è avvenuto anche nei paesi occidentali, non solo extraeuropei come qualcuno potrebbe pensare.

Tai Ji Men è molto rispettato a Taiwan e diverse personalità pubbliche hanno elogiato i loro sforzi nella società.

Tuttavia, Tai Ji Men ha incontrato alcuni problemi a Taiwan in relazione alle donazioni fatte al Maestro, che l'ufficio delle imposte ha consideto essere tasse di iscrizione al corso invece che donazioni, e dopo un processo giudiziario di oltre 20 anni fino alla Corte Suprema, il caso si è concluso a favore di Tai Ji Men.

Tuttavia, l'Ufficio delle imposte non ha accettato completamente la decisione della Corte e ha insistito sul fatto che Tai Ji Men dovesse pagare le tasse per l'anno fiscale 1992.

Tai Ji Men ha trascorso più di 20 anni nei tribunali per risolvere il caso a loro favore e non accetterà di pagare le tasse per l'anno 1992 per una questione di principio, vale a dire che il pagamento è illegittimo come accertato in tribunale e perché Tai Ji Men non ha evaso i pagamenti, semplicemente i pagamenti non erano dovuti.

Va notato che Tai Ji Men ha speso di più in termini di spese legali per i processi di quanto avrebbero speso per pagare le tasse richieste, tuttavia la loro è una battaglia per la libertà e la giustizia per tutti contro l'abuso di un ufficio delle imposte arrogante che pretende di ignorare anche le decisioni dei tribunali.

Taiwan è un grande paese che ho visitato con piacere e dove ho avuto la possibilità di tenere un corso su diritti umani, diritto delle minoranze e libertà di religione e credo presso l'Università di Soochow nel 2012.

Sono rimasto colpito dalla diversità culturale, religiosa e spirituale di Taiwan, dove nello stesso edificio si trovano luoghi di culto di diverse religioni.

Il caso fiscale che coinvolge Tai Ji Men è durato troppo a lungo, ma fortunatamente la maggior parte delle richieste sono state cancellate ad eccezione di una richiesta fiscale per l'anno 1992 che è ancora tenuta in essere dall'ufficio delle tasse e che sta danneggiando Tai Ji Men e potrebbe essere un pericoloso precedente anche per altri.

Taiwan è ora una democrazia che ha raggiunto lo status attuale dopo un passato complicato; i tempi della legge marziale sono finiti da tempo.

In quanto Federazione Europea per la Libertà di Credo, e io personalmente, spero e auguro che questo folle caso possa essere concluso nel miglior modo possibile, onorando la reputazione di Tai Ji Men e anche i risultati democratici e gli impegni di Taiwan per la salvaguardia dei diritti umani e delle libertà fondamentali.

Infine, in base al principio di "Estoppel" non si può sostenere o affermare che Tai Ji Men debba pagare le tasse per l'anno contestato 1992 in quanto non dovrebbe esserci alcuna controversia essendo questa una chiara contraddizione, soprattutto, se si tiene conto dell’altro principio di "legittima aspettativa" (certezza del diritto) secondo il quale coloro che agiscono in buona fede sulla base della legge così com'è o sembra essere non dovrebbero essere frustrati nelle loro aspettative.

In questo caso è stabilito che Tai Ji Men non deve pagare alcuna tassa sulle donazioni per gli altri anni, quindi non deve pagare le tasse per l'anno 1992.

Il nostro auspicio è che Taiwan onori questi principi e, rispettandoli, soddisfi tutte le richieste legali di Tai Ji Men in questa materia.

Oggi come gruppo di una dozzina di organizzazioni per i diritti umani abbiamo scritto una lettera alle più alte autorità di Taiwan chiedendo loro di intervenire per porre fine a questo caso in corso, e garantire così libertà, equità e giustizia per Tai Ji Men e di conseguenza a tutti in Taiwan.

Alessandro Amicarelli
Presidente European Federation for Freedom of Belief (FOB)


S.E. Dott. Tsai Ing-wen
President of the Republic of China
Office of the President
No. 122 Sec.1. Chongqing S. Rd.
Zhongzheng District, Taipei City
10048 Taiwan, ROC

On. Primo Ministro Su Tseng-chang
Executive Yuan
No. 1, Sec. 1, Zhongxiao E. Rd., Zhongzheng Dist.,
Taipei City 100009, Taiwan (R.O.C.)

Onorevole Chen Chu
Presidente, Control Yuan
No. 2, Sec. 1, Zhongxiao E. Rd.
Taipei City, 100216, Taiwan (R.O.C.)

16 settembre 2020

Egregio Presidente Tsai:
Egregio Primo Ministro Su:
Egregio Presidente Chen:

Il 24 luglio abbiamo scritto al Presidente Tsai esprimendo la nostra preoccupazione per il caso di Tai Ji Men. In breve, Tai Ji Men è una scuola spirituale con sede a Taiwan che insegna il qigong, che fonda le sue radici nel taoismo esoterico e che ha una diffusione globale attraverso le sue attività culturali. Nel 1996, Tai Ji Men fu tra le vittime di una sfortunata repressione contro i nuovi movimenti religiosi, iniziata a Taiwan in gran parte per motivi politici. Il leader incriminato di Tai Ji Men, il dottor Hong Tao Tze, fondatore e maestro della scuola spirituale e i suoi membri sono stati in seguito completamente assolti da tutte le accuse penali.

Tuttavia, come conseguenza degli eventi del 1996, il National Tax Bureau si è mosso contro Tai Ji Men accusandolo di evasione fiscale, sostenendo che le offerte che i membri fanno al loro maestro spirituale nelle cosiddette "buste rosse" sono in realtà tassabili come quote di iscrizione a una scuola cram[1] .

Ancora una volta, i tribunali superiori di Taiwan hanno stabilito che Tai Ji Men non è una scuola cram e i contenuti delle buste rosse dovrebbero essere considerati come offerte non tassabili. Il National Tax Bureau, dopo vent'anni di procedimenti giudiziari, ha finalmente deciso di cancellare gli accertamenti fiscali che aveva emesso nei confronti di Tai Ji Men, escludendo però l'anno 1992, sostenendo che per quell'anno era stata emessa una sentenza definitiva e che non era possibile un ulteriore ricorso.

La posizione del National Tax Bureau era ovviamente in contrasto con la giustizia. Se il contenuto delle buste rosse non è tassabile per tutti gli altri anni, non può essere tassabile neanche per il 1992. Tuttavia, il National Tax Bureau è rimasto sordo agli appelli di studiosi internazionali e taiwanesi e organizzazioni per i diritti umani, e persino alla voce dei tribunali di Taiwan, che avevano definitivamente stabilito che queste offerte non sono regali tassabili.

Una questione parallela riguarda gli articoli per la pratica del Qi Gong, comprese le uniformi, ordinati a prezzo scontato come acquisto collettivo. Il National Tax Bureau ritiene che il movimento abbia realizzato un reddito imponibile su queste voci. Il tribunale penale ha confermato nella sua sentenza che "L'ordinazione cumulativa delle uniformi è fatta da fratelli e sorelle di Tai Ji Men. Non è un'attività commerciale". Inoltre, la commessa non riguarda il dottor Hong e sua moglie.

Questo dramma, dannoso per la fama guadagnata a fatica da Taiwan come faro della democrazia e dei diritti umani in una regione afflitta da dittature, sta ora avanzando verso un triste epilogo. L'ufficio di Hsinchu della Enforcement Agency ha sequestrato e messo all'asta le proprietà del Dr. Hong e, dopo due aste andate deserte, ha in programma di trasferire le proprietà al governo come pagamento delle tasse per il 1992, che non avrebbero dovuto esistere in primo luogo. Aggiungendo la beffa al danno, a Tai Ji Men viene persino chiesto di pagare le spese di esecuzione, e i funzionari dell'Ufficio nazionale delle imposte coinvolti nel caso saranno ricompensati con bonus o note di merito.

Può sembrare che questa sia una battaglia per i soldi, ma non lo è per Tai Ji Men. In ventiquattro anni di lotte hanno speso, solo in spese legali, più di quanto avrebbero pagato se si fossero accordati con il National Tax Bureau. Non si sono accordati per una questione di coscienza e di giustizia. Accordandosi, avrebbero ammesso di essersi resi colpevoli di evasione fiscale, qualcosa che è contraria ai loro principi e alla verità.

Siamo ONG attive nel campo della libertà religiosa. Assistiamo, ogni giorno, a casi di persecuzione religiosa in cui si perdono vite umane. Può sembrare che, rispetto ad esempio a quanto accade quotidianamente nella Cina continentale o nella Corea del Nord, questo sia solo un incidente minore. Tuttavia, abbiamo ritenuto nostro dovere parlarne, poiché ha implicazioni diffuse, sia per Taiwan che per il mondo. Significativamente, già nel 2005, il Control Yuan aveva elencato il caso Tai Ji Men come uno dei più importanti casi di diritti umani in cui ha dovuto intervenire.

Taiwan si trova in un momento difficile della sua storia, poiché le pretese della Cina diventano più assertive e aggressive. Taiwan ha bisogno di amici internazionali e beneficia anche della sua meritata immagine pubblica di un paese in cui, a differenza della Cina continentale, i diritti umani e la libertà di credo sono rispettati.

Il caso Tai Ji Men è una reliquia di un'epoca passata, quando la libertà religiosa non era ancora pienamente rispettata a Taiwan. L'azione contro Tai Ji Men, tuttavia, solleva dubbi sul fatto che i problemi del passato siano stati pienamente risolti.

Il caso ha anche implicazioni internazionali, poiché è diffusa la preoccupazione che le leggi fiscali possano essere utilizzate per discriminare i movimenti religiosi e spirituali che ad alcuni politici, per qualsiasi motivo, non piacciono. La Corte europea dei diritti dell'uomo e i tribunali degli Stati Uniti hanno dichiarato che tale uso del sistema fiscale è inappropriato e illegale.

Chiediamo rispettosamente alle autorità politiche di Taiwan di non lesinare sforzi per risolvere questo caso di 24 anni in uno spirito di giustizia, equità e rispetto per la libertà di credo.

Associazioni dei cittadini del mondo

CAP-LC – Coordination des Associations et des Particuliers pour la Liberté de Conscience

CESNUR – Center for Studies on New Religions

EIFRF – European Inter-Religious Forum for Religious

Freedom Fedinsieme [Faiths Together]

FOB – European Federation for Freedom of Belief

FOREF – Forum for Religious Freedom Europe

HRWF – Human Rights Without Frontiers

LIREC – Center for Studies on Freedom of Belief, Religion and Conscience

ORLIR – International Observatory of Religious Liberty of Refugees

Osservatorio sul Pluralismo Religioso

Soteria International

*Vedere anche il video su https://www.facebook.com/107308477430724/posts/184605813034323/?vh=e&d=n


Nota

[1] ⬆︎ Le scuole cram a Taiwan sono chiamate buxiban (補習班 letteralmente "classe di apprendimento supplementare”). Un buxiban è un programma doposcuola che fornisce un'istruzione aggiuntiva agli studenti.

Tag