Diritti umani, Cina e Olimpiadi invernali: boicottare o non boicottare?

Sezione:
The Beijing 2022 Olympic Winter Games official logo

I Giochi Olimpici Invernali di Pechino 2022 sono alle porte e il dibattito se partecipare o boicottare l'evento che darà sempre più prestigio alla Cina e al suo governo, mitigando o nascondendo le sue politiche di violazione dei diritti umani, è più che mai attuale. Sull'argomento pubblichiamo un articolo firmato dalla studiosa Zsuzsa Anna Ferenczy per Human Rights Without Frontiers.


Diritti umani, Cina e Olimpiadi invernali: l'unità democratica riuscirà a prevalere?

di Zsuzsa Anna Ferenczy per HRWF (20.01.2022) — Dal 4 al 20 febbraio Pechino ospiterà la 24a edizione delle Olimpiadi invernali. A poche settimane dai Giochi, la Cina sta combattendo contro molteplici focolai di coronavirus in diverse città. Le autorità stanno raddoppiando i loro metodi autoritari di lotta contro il virus, compresa la loro politica di "tolleranza zero" per il COVID-19, che si basa sulla sorveglianza digitale.

Mentre Pechino sta lottando per resistere di fronte alla variante omicron e garantire che i Giochi procedano indisturbati, la leadership cinese sta affrontando sfide più grandi. Per anni, Pechino ha tentato di inquadrare un modello alternativo di "democrazia" nel tentativo di legittimare la sua narrativa, mentre allo stesso tempo ha commesso le più orribile violazioni dei diritti umani. Questo ha messo la Cina in contrasto con le democrazie di tutto il mondo, con Pechino che afferma che l'«Occidente» stia cercando di minare la sua sovranità e autorità politica.

Considerate tali differenze normative, e consapevoli della realtà che le democrazie vedono la Cina sia come un importante partner commerciale che come una minaccia alla sicurezza, la comunità internazionale ha finora fallito nel garantire che la Cina sia all'altezza dei suoi impegni internazionali. La mancanza di coordinamento e di coerenza delle democrazie ha incoraggiato la Cina ad armare il commercio e a perseguire la propria agenda a spese dei diritti umani.

Con i Giochi alle porte, le democrazie hanno la responsabilità di rimanere unite nel difendere i diritti umani. Una posizione condivisa sui Giochi deve far parte di una strategia comune per la difesa dei diritti umani in Cina, costruita su un efficace coordinamento. Le democrazie resteranno unite?

Boicottare o non boicottare

"L'amministrazione Biden non invierà alcuna rappresentanza diplomatica o ufficiale alle Olimpiadi e Paralimpiadi invernali di Pechino 2022, dato il genocidio in corso della RPC e i crimini contro l'umanità nello Xinjiang e altri abusi dei diritti umani", ha detto l'addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki a dicembre.

La Nuova Zelanda è stata la prima ad unirsi agli Stati Uniti, con il vice Primo Ministro Grant Robertson che ha dichiarato che la decisione è stata influenzata più da preoccupazioni di sicurezza sulla pandemia che da questioni di diritti. Canada, Australia e Gran Bretagna hanno seguito Washington nell'annunciare un boicottaggio politico. Il Giappone ha detto che non invierà una delegazione governativa, ma ha rifiutato di chiamarlo boicottaggio, mentre la Corea del Sud ha rifiutato di aderire, dicendo che gli "sforzi costruttivi" della Cina erano necessari per la denuclearizzazione della penisola coreana.

Vista nel contesto indo-pacifico, l'ambiguità riguardante la Cina non sorprende. Gli Stati Uniti e la Cina sono rimasti invischiati in una competizione strategica a lungo termine per l'influenza nella regione, proiettando entrambi diversi livelli di influenza sui paesi presenti.

Mentre persistono visioni e obiettivi contrastanti per la zona indo-pacifica, le democrazie hanno consolidato le partnership di sicurezza e la cooperazione regionale, come si è visto, per esempio, attraverso la rinascita del Quad o l'istituzione dell'AUKUS. Queste iniziative riflettono l'interesse in una visione condivisa per un Indo-Pacifico libero e aperto, e possono agevolare una convergenza riguardo alla Cina.

La realtà per ora, tuttavia, è che le aspettative di un allineamento con gli obiettivi di Washington nella regione non sono realistiche. La Cina ha legami commerciali inestricabili con la maggior parte delle nazioni dell'Indo-Pacifico e occupa posizioni chiave nelle filiere regionali dei beni. Se le democrazie dell'Indo-Pacifico prendono sul serio il loro impegno per un ordine basato sulle regole, devono sostenersi a vicenda nei loro sforzi di diversificazione nel commercio e negli investimenti. Sviando la Cina, possono ridurre le loro vulnerabilità e rafforzare la loro posizione nei confronti di Pechino, assicurando che i diritti umani non siano messi ai margini.

Le relazioni transatlantiche hanno anche visto sviluppi positivi nei modi di affrontare una Cina più determinata. Dopo che l'UE ha imposto sanzioni contro i funzionari cinesi per le presunte violazioni dei diritti umani nello Xinjiang, gli Stati Uniti, il Regno Unito e il Canada si sono uniti, con il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab che ha dichiarato che la comunità internazionale "agirà di concerto per chiedere conto ai responsabili".

Bruxelles e Pechino

Per quanto riguarda la posizione dell'UE sulla Cina, le cose sono complicate. Mentre Bruxelles è passata da un approccio naif alla Cina a un approccio realistico, il blocco rimane diviso. La situazione non è differente per quanto riguarda le Olimpiadi. Mentre la Danimarca e il Belgio si sono allineati con Washington, i Paesi Bassi hanno detto che non invieranno funzionari ai Giochi, ma hanno insistito sul fatto che non si tratta di un boicottaggio politico. Mentre la Francia ha annunciato che non avrebbe boicottato le Olimpiadi, Annalena Baerbock, il ministro degli Esteri della Germania, il più grande partner commerciale della Cina nell'UE, ha detto che avrebbe boicottato i Giochi, ma il nuovo cancelliere del paese, Olaf Scholz, non le ha fatto eco. Al contrario, la Lituania, il paese che recentemente è stato più esposto alla coercizione economica della Cina, ha annunciato che né il suo presidente, né i suoi ministri parteciperanno.

Nonostante le ambizioni francesi di coordinamento, i ministri degli Esteri dell'UE non sono riusciti a trovare un accordo su un boicottaggio a livello europeo durante la loro ultima riunione a Brest. Non sono nemmeno riusciti a raggiungere un approccio condiviso, che sarebbe potuto arrivare sotto forma di una dichiarazione forte a livello UE che inviasse un messaggio di unità che i diritti umani contano tanto quanto il mercato unico, che, nelle parole del Segretario di Stato tedesco al Ministero dell'Economia, Franziska Brantner, è “sacro”.

Questo sarebbe stato il giusto seguito alla risoluzione del Parlamento Europeo del 2021 che chiedeva alla UE di boicottare i Giochi a meno che Pechino non dimostrasse "un miglioramento verificabile della situazione dei diritti umani a Hong Kong, nella regione uigura dello Xinjiang, in Tibet, nella Mongolia interna e altrove in Cina".

L'unità, la via da seguire

In risposta al boicottaggio di Washington, Pechino ha accusato gli Stati Uniti di tradire i principi olimpici e ha detto che Washington ne avrebbe "pagato il prezzo". La minaccia di ritorsione è un elemento centrale del modus operandi di Pechino, sempre più disposto a esercitare pressioni economiche per portare avanti i suoi interessi.

Dopo che Taiwan ha aperto un ufficio di rappresentanza in Lituania con il proprio nome, Pechino non solo si è vendicato bilateralmente, ma ha perseguito i partner commerciali della Lituania in Europa, minando l'integrità del mercato unico europeo. Bruxelles ha solo poche carte da giocare e rimane mal equipaggiata per proteggersi da tale coercizione economica e sostenere i diritti umani allo stesso tempo.

In realtà, nessun paese della UE ha affrontato il livello di coercizione economica che la Lituania ha subito negli ultimi mesi. Allo stesso modo, nessun paese ha vissuto per decenni sotto una minaccia esistenziale come Taiwan. La loro resistenza all'aggressione cinese dovrebbe ispirare la via da seguire, riguardo ai Giochi e non solo. Devono lottare per l'unità e perseguire un'azione comune, anche attraverso lo sviluppo di strumenti commerciali di difesa contro la coercizione economica e attraverso atti legislativi per la difesa dei diritti umani. Le democrazie che la pensano allo stesso modo hanno delle lezioni da imparare dalla Lituania e da Taiwan.

Fonte: HRWF

Zsuzsa Anna FERENCZYZsuzsa Anna FERENCZY PhD
Ricercatrice post-dottorato, Ministero della Scienza e della Tecnologia di TaiwanRicercatrice non residente, Fondazione Taiwan Next Generation
Ricercatrice associata, Vrije Universiteit Brussel
Consulente su Cina, Taiwan, Corea presso Human Rights Without Frontiers
Capo dei Netword Associati, 9DASHLINE
zsuzsaaferenczyatgmail.com


Logo ufficiale delle Olimpiadi invernali 2022: Per fonte, uso corretto, https://en.wikipedia.org/w/index.php?curid=56087618

Tag