La campagna russa contro i Testimoni di Geova e la sua influenza in Asia centrale

Sezione:
Journal of CESNUR

Rosita Šorytė
European Federation for Freedom of Belief (FOB)
rosita_soryteathotmail.com

The Journal of CESNUR, Volume 7, Pubblicazione 1, Gennaio—Febbraio 2023, pagg. 12—25.
© 2023 by CESNUR. All rights reserved.
ISSN: 2532-2990 | www.cesnur.net | DOI: 10.26338/tjoc.2023.7.1.2

ABSTRACT: Nei Paesi dell'Asia centrale, i tribunali hanno sanzionato i Testimoni di Geova per presuti danni alla salute mentale delle loro vittime e per aver propagandato "l'estremismo religioso". Queste accuse non hanno avuto origine in Asia centrale, ma sono state importate dalla Russia. Dopo aver esaminato alcuni casi giudiziari specifici, il documento esamina le tre principali accuse russe contro i Testimoni di Geova: "lavaggio del cervello", estremismo e atteggiamenti antipatriottici. Il documento analizza poi i motivi per cui i Testimoni di Geova sono stati oggetto di una persecuzione che la Russia di Putin ha sempre cercato di esportare all'estero.

PAROLE CHIAVE: Testimoni di Geova in Asia centrale, Testimoni di Geova in Russia, Testimoni di Geova in Kazakistan, Testimoni di Geova in Kirghizistan, Movimento anti-sette in Russia.

Uno strano incidente in Kazakistan

Yergali Abishov e sua moglie Irina Kvan hanno lasciato i Testimoni di Geova nel 2019, dopo essere stati membri del loro gruppo kazako per circa vent'anni. Quasi subito dopo essersene andati, hanno fondato un'organizzazione anti-sette chiamata Terra Libera. In un Paese in cui le ONG incontrano sempre problemi e ritardi nell'ottenere la registrazione, l'organizzazione ha ottenuto la registrazione in poche settimane. Appena un mese dopo la registrazione, si sono recati a Varsavia per intervenire contro i Testimoni di Geova e chiedere una legge contro le "sette" in Kazakistan, in occasione dello Human Dimension Implementation Meeting dell'OSCE del settembre 2019 (Corley 2021, da cui traggo tutti i riferimenti e le citazioni in questo paragrafo, salvo diversa indicazione).

Il fatto che fossero riusciti a organizzare tutto questo in poche settimane è stato ancora più sorprendente perché gli Abishov sostenevano di soffrire di problemi di salute mentale. Quando hanno abbandonato i Testimoni di Geova, quasi subito hanno trovato un avvocato e le hanno detto che gli anni trascorsi come Testimoni di Geova avevano danneggiato irrimediabilmente la loro salute mentale. Hanno quindi citato in giudizio le sedi dei Testimoni di Geova sia a Nur-Sultan che nella città di Taraz, dove avevano vissuto in precedenza, presso il Tribunale distrettuale di Saryarka nella capitale del Kazakistan, che allora si chiamava Nur-Sultan (e che ora è tornata al vecchio nome di Astana), chiedendo un risarcimento danni.

Il Kazakistan non è esattamente rinomato per la rapidità del suo sistema giudiziario, eppure il caso degli Abishov è andato avanti con la stessa rapidità della registrazione della loro ONG, e anche di più. Il 26 giugno 2019 il loro avvocato ha richiesto una relazione alla filiale di Almaty del Centro per le Analisi Giudiziarie del Ministero della Giustizia. Ha chiesto agli esperti di studiare 16 pubblicazioni dei Testimoni di Geova e di stabilire se queste potessero danneggiare la salute mentale dei lettori. Tali "perizie" sono normalmente utilizzate sia in Russia che in Asia centrale per perseguire le religioni minoritarie, e in effetti gli "esperti" kazaki avevano già contribuito a perseguire, tra gli altri, un Avventista del Settimo Giorno e persino dei Musulmani critici nei confronti del governo (Corley 2020).

Tuttavia, nella maggior parte dei casi questi "esperti" chiedono diversi mesi, o almeno diverse settimane, per completare l'analisi delle pubblicazioni delle cosiddette "sette". Nel caso degli Abishov, gli esperti hanno completato un'analisi dettagliata in soli otto giorni. L'avvocato ha presentato la sua richiesta il 26 giugno e gli esperti hanno consegnato il loro rapporto finale il 4 luglio.

Il team di "esperti", che comprendeva due psichiatri (Zhannat Tatykhodzhayeva e Altinai Babykpayeva) e una psicologa (Aizhan Kudaibergenova), ha concluso che tra le righe dei libri e delle riviste dei Testimoni di Geova c'erano "comandi nascosti per la completa sottomissione" delle "vittime". In altre parole, bastava leggere queste pubblicazioni per essere automaticamente sottoposti al "lavaggio del cervello" e costretti a obbedire a tutti gli "ordini degli anziani".

Secondo gli "esperti", i Testimoni di Geova sono stati in grado di produrre queste pubblicazioni veramente diaboliche utilizzando le più avanzate tecniche occidentali di manipolazione mentale. Il loro studio, hanno affermato i tre "esperti",

rivela un processo chiaramente strutturato realizzato con l'uso di un cambiamento costante e la combinazione di vari metodi di influenza psicologica e psicoterapeutica sugli adepti, con l'uso della tecnologia della "provocazione della dissonanza cognitiva", della "trance ipnotica", del "reframing neurolinguistico", del "modellamento" e del "sovraccarico informativo".

Purtroppo, hanno aggiunto gli "esperti", l'influenza di questo processo di "lavaggio del cervello" non è temporanea. La tecnologia di controllo mentale utilizzata nelle pubblicazioni dei Testimoni di Geova, hanno affermato,

determina un cambiamento dell'umore o addirittura una "modifica dell'umore" e, nel complesso, una violazione della costruzione personale e potrebbe diventare una causa di disadattamento sociale e di neurotizzazione della personalità.

Hanno aggiunto che la lettura di queste pubblicazioni crea "dipendenza". I lettori sviluppano una "dipendenza" e non riescono a smettere di leggerle. Questo è proprio l'effetto che le pubblicazioni sono programmate per ottenere, si legge nel rapporto. Le conseguenze derivanti dal leggere la letteratura dei Testimoni di Geova

sono la scarsa tolleranza alla frustrazione, l'incapacità di adattarsi alla società, la fuga dalla realtà e il superamento del disagio psicologico attraverso la realizzazione di una dipendenza, cioè ricevendo emozioni positive soggettive che portano a un cambiamento artificiale dello stato mentale, che a sua volta porta a disturbi mentali o all'esacerbazione di malattie mentali.

Gli "esperti" hanno quindi concluso che era perfettamente possibile che gli Abishov, o altri Testimoni di Geova, avessero sviluppato gravi disturbi mentali essendo stati esposti per anni a una letteratura che includeva "comandi nascosti" e altri sofisticati strumenti di manipolazione mentale.

Anche il tribunale si è mosso rapidamente. Nell'ottobre 2019, gli Abishov hanno ottenuto (a proprie spese) una perizia supplementare, che ha confermato come le pubblicazioni abbiano causato dipendenza. Il 10 marzo 2020 i giudici hanno emesso il verdetto, condannando la sezione di Nur-Sultan dei Testimoni di Geova a pagare 1.168.366 Tenge (2.441 euro), mentre la comunità di Taraz è stata condannata a pagare 4.468.366 Tenge (9.336 euro). Non si tratta di somme esigue in Kazakistan, dove il salario medio mensile si aggira oggi intorno ai 650 euro, ma nel 2020 era inferiore ai 500 euro (CEIC 2022).

I Testimoni di Geova hanno fatto ricorso, ma il 23 giugno 2020 il Tribunale della città di Nur-Sultan ha respinto l'appello elogiando l'alta qualità della relazione "dell'esperto". Il 21 settembre 2020, la Corte Suprema si è rifiutata di riesaminare il caso.

Infatti, lo studio degli "esperti" sulla letteratura dei Testimoni di Geova nel caso degli Abishov è stato considerato così bello e persuasivo che è stato utilizzato in un altro caso. Nel 2020, Maksat Bekbembetov e sua moglie Alina, che avevano lasciato i Testimoni di Geova rispettivamente nel 2016 e nel 2018, si sono uniti all'organizzazione anti-sette degli Abishov, Terra Libera. Hanno pubblicato su YouTube video che li ritraggono mentre manifestano contro i Testimoni di Geova e le "sette", assieme agli Abishov e ad altri. A quanto pare hanno ottenuto il permesso di organizzare manifestazioni pubbliche, anche in questo caso a tempo di record e in un Paese in cui pochissime proteste di questo tipo sono autorizzate.

I Bekbembetov hanno anche affermato che prima di unirsi ai Testimoni di Geova la loro salute mentale era perfettamente a posto, ma che si era deteriorata dopo essere stati esposti per anni alla loro "sinistra" letteratura. I Bekbembetov hanno utilizzato una copia non ufficiale dello studio "peritale" per il caso Abishov e gli "esperti" dell'Istituto di studi forensi della regione di Zhambyl hanno successivamente fondato le loro conclusioni su tale documento. Hanno concluso che la letteratura dei Testimoni di Geova aveva rovinato la salute mentale dei Bekbembetov attraverso "una tecnica medica di influenza psicoterapeutica e psicologica".

Armati di questo rapporto, e di un secondo sulla presunta dipendenza causata dai libri e dalle riviste, i Bekbembetov, che vivono a Taraz, hanno citato in giudizio la sezione locale dei Testimoni di Geova, presso il Tribunale della città di Taraz. Il 26 aprile 2021, un giudice locale ha ordinato ai Testimoni di Geova di pagare 2.380.964 Tenge (4.975 euro). Il 2 settembre 2021, il verdetto è stato confermato in appello dal Tribunale regionale di Zhambyl e successivamente dalla Corte Suprema il 4 aprile 2022.

La domanda interessante è come gli "esperti" di Almaty siano stati in grado di esaminare un importante corpus di letteratura dei Testimoni di Geova in soli otto giorni, giungendo alla strana conclusione che questi libri e riviste includono "comandi nascosti" e hanno il magico potere di "fare il lavaggio del cervello" ai loro lettori. Fortunatamente, questa domanda ha trovato risposta. Quando la perizia è stata utilizzata per la seconda volta, nel caso Bekbembetovs, i Testimoni di Geova hanno assunto un loro esperto, la studiosa kazaka Galina Mustakimova. La studiosa ha subito scoperto che il lavoro degli "esperti" di Almaty non era originale. La maggior parte di esso era stato semplicemente copiato da un rapporto preparato in Russia undici anni prima, per il caso che aveva portato alla liquidazione della filiale dei Testimoni di Geova di Gorno-Altaysk, la capitale della Repubblica dell'Altai, in Siberia. Il rapporto era stato firmato nel 2008 da due docenti dell'Università statale di Gorno-Altaysk, Yuliya Khvastunova e Margarita Dolgovykh.

La storia non finisce qui. Lo stesso rapporto di Gorno-Altaysk era stato preparato in un tempo record di quattro giorni. Anziché analizzare le pubblicazioni dei Testimoni di Geova, gli "esperti" locali si sono basati sulle pubblicazioni scritte da Alexander Dvorkin, il principale anti-sette russo e altri luminari del movimento anti-sette russo (Corley 2010).

Tale vicenda è la prova evidente che in Kazakistan l'attacco contro i Testimoni di Geova è portato avanti riproponendo a pappagallo le affermazioni del movimento anti-sette russo, che sono state utilizzate in Russia per liquidare i Testimoni di Geova nel 2017.

Questo non accade solo in Kazakistan. Nel dicembre 2021, sono stata io stessa consulente in un caso in Kirghizistan, dove il Procuratore Generale aveva chiesto al Tribunale distrettuale di Pervomayskiy della città di Bishkek di vietare diversi libri e opuscoli dei Testimoni di Geova in quanto "estremisti". Alla fine, sorprendentemente, il giudice si è pronunciato a favore dei Testimoni di Geova. Nel preparare la mia perizia, ho dovuto leggere una relazione preparata da "esperti" kirghisi, che accusavano le pubblicazioni dei Testimoni di Geova di creare problemi di salute mentale nei loro lettori, oltre ad essere "pseudo-cristiane" (una strana affermazione in un tribunale laico), anti-patriottiche ed estremiste. Ancora una volta, era chiaro che gli "esperti" kirghisi avevano semplicemente fatto un taglia e cuci da fonti russe, tra cui un oscuro blog russo polemico che accusava i Testimoni di Geova di stupro, omicidio, organizzazione di giri di prostituzione e altri crimini (Babyblog.ru 2013). Incredibilmente, questo è stato preso sul serio dagli "esperti" che hanno firmato il rapporto kirghiso.

Oltre a calunnie e false accuse delle quali non è stata nemmeno indicata la fonte, il post del blog citava come fonte Jerry Bergman, uno studioso il cui campo è la microbiologia (in cui è molto contestato) piuttosto che la religione. Sebbene nel 1984 Bergman abbia compilato un'utile bibliografia sui primi anni dei Testimoni di Geova (Bergman 1984), attualmente scrive come un ex membro astioso che ha abbandonato la fede piuttosto che come studioso neutrale.

Qui è in atto un sistema di "scatole cinesi" o, per usare una metafora più appropriata a chi fabbrica queste accuse, una matrioska. Gli "esperti" dell'Asia centrale copiano gli "esperti" russi incaricati dal tribunale. Gli "esperti" russi copiano la letteratura anti-sette russa. E talvolta la letteratura anti-sette russa copia gli ex membri e gli anti-sette "apostati" occidentali. Resta da spiegare quali sono le principali accuse contro i Testimoni di Geova e perché vengono formulate.

Le tre principali accuse russe contro i Testimoni di Geova

Sebbene ci siano altre accuse che dalla Russia si sono propagate in Asia centrale e sono state usate contro i Testimoni di Geova – tra cui il fatto che non sono veramente cristiani e che la loro interpretazione del cristianesimo è eretica, il che stranamente viene citato in sentenze di autorità amministrative laiche o di tribunali – tre affermazioni hanno costituito la base principale usata dal governo russo per reprimere la loro organizzazione, affermazioni che sono state esportate anche all'estero: "lavaggio del cervello" e danni alla salute mentale, "estremismo" e atteggiamenti antipatriottici.

1. "Lavaggio del cervello" e danni alla salute mentale

I due casi in Kazakistan che ho citato sono differenti da quello in cui sono stata coinvolta in Kirghizistan. Mentre in Kirghizistan la messa al bando della presunta letteratura estremista è stata richiesta da un pubblico ministero, in Kazakistan dei privati cittadini hanno citato i Testimoni di Geova per vie civili, chiedendo un risarcimento danni. Per questo motivo, l'estremismo era marginale nei due casi kazaki. L'accusa principale era quella di danni alla salute mentale dei querelanti, causati da "comandi nascosti" celati nella letteratura dei Testimoni di Geova.

Questa è solo una variante della nota accusa secondo cui le minoranze religiose etichettate come "sette" praticano il "lavaggio del cervello", che Eileen Barker e James T. Richardson hanno contribuito a smascherare come falsa e pseudo-scientifica alla fine del XX secolo (Barker 1984; Richardson 1991, 1992, 1993, 1996). I tribunali degli Stati Uniti e di altri Paesi hanno accettato le critiche degli studiosi e hanno respinto le accuse di "lavaggio del cervello" rivolte alle organizzazioni religiose.

Tuttavia, la letteratura occidentale anti-sette sul "lavaggio del cervello" raramente si è spinta fino ad affermare che le "vittime" possono subire il "lavaggio del cervello" semplicemente facendo loro leggere libri o guardare le illustrazioni dei testi. Forse l'unica eccezione, relativamente recente, è un articolo della studiosa anti-sette Susan Raine e di un ex membro "apostata" di Scientology che si nasconde sotto lo pseudonimo di "George Shaw". Essi sostengono che nel 1968 la Chiesa di Scientology produsse nuove copertine per alcuni dei suoi libri, chiedendo all'artista canadese e scientologist Richard Borthwick Gorman (1935-2010) di preparare i disegni corrispondenti. Raine e Shaw scrivono che Gorman preparò immagini speciali in grado di "generare risposte subliminali cercando di illicit [sic] rappresentazioni positive del gruppo" (Shaw e Raine 2017, 313: "illicit" sembra essere un refuso per "elicit" (suscitare, ndt), ma poiché lo stesso errore ricorre ripetutamente nel testo [cfr. Shaw e Raine 2017, 309], forse tradisce la persuasione degli autori che ciò che Scientology fa è per definizione "illicit" nel senso di "illegal").

L'affermazione che si possa fare il "lavaggio del cervello" mediante immagini è ovviamente assurda e ricorda più le teorie cospirative sui "messaggi subliminali" satanici che sarebbero nascosti nella musica rock contemporanea (Vokey e Read 1985; Victor 1993, 161-72), che non una seria analisi scientifica.

In generale, contrariamente alle dubbie affermazioni della letteratura anti-sette, nessuna statistica seria supporta l'affermazione che ci siano più casi di malattia mentale tra i Testimoni di Geova che tra i membri di altri gruppi religiosi o la popolazione in generale. La psicologa italiana Raffaella Di Marzio, in uno studio pubblicato nel 2020, ha rilevato che i Testimoni di Geova italiani appaiono ben adattati all'ambiente e non hanno più problemi di salute psicologica rispetto alla popolazione italiana in generale (Di Marzio 2020).

2. “Estremismo”

Mentre nei casi kazaki l'accusa principale è stata quella di danni alla salute mentale, in Kirghizistan i Testimoni di Geova sono stati accusati di essere "estremisti", che è anche il motivo addotto per la cancellazione e il divieto di registrazione in Tagikistan.

"Estremismo" è un termine che evoca immediatamente fondamentalismo e terrorismo, e la legge sull'estremismo utilizzata contro i Testimoni di Geova in Russia è stata originariamente introdotta dopo l'11 settembre per combattere il terrorismo ultrafondamentalista islamico. Tuttavia, la legge è stata ripetutamente modificata per ampliare la nozione di "estremismo" in generale e di "estremismo religioso" in particolare. Attualmente, per essere perseguita ed eventualmente liquidata come "estremista" in Russia, un'organizzazione religiosa non deve necessariamente essere violenta o promuovere la violenza. Il test principale per essere dichiarato "estremista" è se un gruppo religioso sostiene la "superiorità" delle proprie dottrine rispetto alle credenze di altre religioni (Kravchenko 2018).

Con la nozione di "estremismo religioso", la Russia ha introdotto nelle sue leggi uno strumento per perseguire qualsiasi religione che un pubblico ministero, o gli "esperti" assunti dai pubblici ministeri, cioè gli anti-sette russi, considerano indesiderabile. In realtà, questo può essere applicato a tutte le religioni. Tutte le organizzazioni religiose insegnano che il percorso che propongono è, se non l'unica via di salvezza, almeno un sistema "superiore" agli altri. Se fosse uguale o peggiore delle altre religioni, ci si potrebbe chiedere perché mai qualcuno dovrebbe preoccuparsi di convertirsi? Possiamo aggiungere che l'applicazione di questa nozione di estremismo in Russia è in gran parte fraudolenta. Infatti, la Chiesa Ortodossa Russa insegna in innumerevoli testi che i suoi insegnamenti sono "superiori" alle altre religioni, eppure non viene considerata "estremista" e non viene perseguita. D'altra parte, quando i Testimoni di Geova e altri cercano di convertire i credenti ortodossi russi alla loro fede, ciò viene immediatamente presentato come una prova che essi sono "estremisti" e dovrebbero essere liquidati (Carobene 2021).

Questa nozione di "estremismo religioso" non fa parte della scienza sociale accettata ed è unicamente russa. La Russia è ovviamente interessata a esportarla, poiché la sua adozione da parte di altri Paesi le darebbe una certa legittimazione internazionale. Nel maggio 2020, il Presidente Vladimir Putin ha promulgato una nuova "Strategia per contrastare l'estremismo fino al 2025", che prevede la promozione e il sostegno finanziario della "cooperazione internazionale anti-estremismo", anche nel campo "dell'estremismo religioso", e la lotta alle organizzazioni che mettono in pericolo i "valori spirituali tradizionali russi" (SOVA Center for Information and Analysis 2020b). L'autorevole ONG di difesa dei diritti con sede a Mosca, SOVA Centre, ha confermato in un rapporto del 2020 che, in particolare, "la legislazione russa [contro l'estremismo] è stata e rimane il modello di legislazione antiestremista per i Paesi dell'Asia centrale" (SOVA Centre for Information and Analysis 2020a, 60).

3. Atteggiamenti antipatriottici

La perizia utilizzata dal pubblico ministero nel caso kirghiso, basata ancora una volta su precedenti russi, sosteneva che non votando, non salutando la bandiera e non prestando servizio militare, i Testimoni di Geova manifestano la loro "opposizione allo Stato".

In realtà, i Testimoni di Geova insegnano che bisogna obbedire alle autorità laiche, anche se chiedono che venga riconosciuto il loro diritto all'obiezione di coscienza in alcuni campi limitati. Analizzando la letteratura dei Testimoni di Geova, gli esperti kirghisi hanno notato dichiarazioni secondo cui, in caso di conflitti di coscienza, i Cristiani dovrebbero obbedire a Dio piuttosto che alle leggi umane, e le hanno interpretate come un incitamento alla ribellione contro lo Stato. Tuttavia, in questo caso i Testimoni di Geova non fanno altro che citare un principio comune a tutti i Cristiani che leggono la Bibbia, dove si legge che Pietro e gli altri apostoli affermarono in Atti 5:29: "Dobbiamo obbedire a Dio piuttosto che agli esseri umani!" (New International Version). L'interpretazione di questo passo biblico è unanime tra i Cristiani. Ad esempio, il Catechismo della Chiesa Cattolica, che è normativo per i Cattolici Romani, afferma:

I cittadini sono obbligati in coscienza a non seguire le direttive delle autorità civili quando sono contrarie alle esigenze dell'ordine morale. "Dobbiamo obbedire a Dio piuttosto che agli uomini" (At 5,29) (Catechismo della Chiesa Cattolica 1992, n. 2256).

Se, quando insegnano gli Atti 5:29, i Testimoni di Geova agiscono come ribelli contro lo Stato, lo stesso vale per i Cattolici Romani e per tutti i Cristiani.

Si può obiettare che altri Cristiani votano, salutano la bandiera nazionale e non hanno obiezioni a servire nell'esercito. Tuttavia, si tratta di una questione di interpretazione della Bibbia, e le autorità laiche nei Paesi democratici non dovrebbero avere il compito di interpretare i testi sacri e di decidere chi ha ragione o torto nelle questioni teologiche.

Perché la Russia lo sta facendo?

Nel 2021, il network americano ABC News ha trasmesso un'importante inchiesta sulla persecuzione dei Testimoni di Geova in Russia, la rete ha commentato che:

Oltre alle stravaganti dimostrazioni di forza e alle dure sentenze, la campagna ha un'altra caratteristica insolita: nessuno sa davvero perché stia accadendo. "Nessuno lo sa", ha detto l'esperta di Human Rights Watch Tanya Lokshina, "Molte persone hanno cercato di capirlo, ma nessuno lo sa davvero". A differenza degli sforzi per mettere fuori legge gli oppositori politici del Cremlino, non c'è un motivo evidente per cui le autorità russe abbiano preso di mira i Testimoni di Geova (Reevell 2021).

Il rapporto cita anche le sconcertanti parole di Putin del 2018, quando gli fu chiesto della liquidazione dei Testimoni di Geova, avvenuta l'anno precedente. L'ha definita "un'assurdità totale", dando l'impressione che avrebbe fatto qualcosa e che l'atteggiamento russo sarebbe cambiato. Al contrario, si legge nel rapporto, "dopo le sue dichiarazioni, la campagna contro i Testimoni di Geova si è intensificata" (Reevell 2021).

Il sottotitolo del servizio di ABC News era "Una campagna che nessuno è in grado di spiegare". Può sembrare presuntuoso da parte mia affermare di essere l'unica in grado di spiegare finalmente i perché della campagna contro i Testimoni di Geova in Russia. È molto più facile spiegare perché la Russia investa per esportare la sua propaganda anti-Testimoni di Geova in Asia centrale e persino in Occidente, attraverso la partecipazione dei suoi principali attivisti anti-sette alle attività della federazione internazionale anti-sette FECRIS (Berzano e altri 2022). Se la sola Russia lancia strane accuse contro i Testimoni di Geova e li perseguita, è facile vedere questa repressione come un'altra prova che il regime di Putin è totalitario e non democratico. Se invece la Russia riuscirà a convincere gli altri, compresi i governi democratici occidentali, che i Testimoni di Geova sono una "setta" pericolosa ed estremista, la loro repressione potrà essere considerata a livello internazionale come in qualche modo "normale" e basata su alcune caratteristiche negative intrinseche dei Testimoni piuttosto che sul disprezzo russo per la libertà religiosa.

Per quanto riguarda le ragioni interne dell'atteggiamento russo, non ho la presunzione di rispondere a quella che altri considerano una domanda impossibile, ma vorrei suggerire quattro aree per possibili indagini future.

La prima riguarda sia il ruolo che la crisi della Chiesa Ortodossa Russa (ROC). Dopo la fine dell'Unione Sovietica, come reazione alla precedente ostilità sovietica nei confronti della religione, la ROC ha vissuto un momento di autentica popolarità. Molti sognavano che la ROC potesse avere in Russia lo stesso ruolo che la Chiesa Cattolica aveva svolto in alcune parti della Germania e in Italia dopo la Seconda Guerra Mondiale, offrendo una motivazione spirituale a coloro che erano impegnati in una transizione post-autoritaria verso la democrazia. Tuttavia, queste speranze ebbero vita breve. La ROC è stata dominata da burocrati che hanno trovato molto conveniente applaudire la deriva autoritaria di Putin e offrire il loro sostegno al regime in cambio di aiuti finanziari e di altro tipo. A sua volta, questo ha alienato una parte consistente della popolazione, in particolare tra le élite urbane, i giovani e le persone più istruite. Invece di riflettere sulle vere cause della perdita di milioni di membri attivi, la ROC ha opportunamente incolpato la concorrenza sleale delle religioni minoritarie con sede in Occidente, accusandole di agire come agenti degli Stati Uniti con l'obiettivo di distruggere l'anima spirituale della Russia. I Testimoni di Geova, essendo la più grande di queste religioni e avendo la loro sede negli Stati Uniti, sono diventati il bersaglio principale di questa campagna. Come parte del suo accordo con Putin e il suo partito, la ROC ha cercato e ottenuto l'aiuto del governo per sbarazzarsi della concorrenza.

La seconda area da approfondire è la tradizionale ostilità della Russia nei confronti di coloro che pensano in modo indipendente e adottano uno stile di vita diverso dalla maggioranza, che il governo non comprende e teme di non poter controllare. Già la Russia zarista reprimeva come секты (sekty), parola meglio tradotta come "sette", diversi gruppi che erano visti come una minaccia non solo per la ROC ma per lo Stato stesso. Talvolta, questi gruppi possedevano anche delle proprietà, che il governo era lieto di confiscare e utilizzare per i propri scopi. La Russia sovietica reprimeva tutte le religioni, ma non allo stesso modo. Come nota la storica americana Emily Baran, i Testimoni di Geova furono repressi più severamente di altri perché, rifiutandosi di servire nell'esercito, di unirsi alle organizzazioni del Partito e di partecipare alle celebrazioni e alle riunioni ufficiali nei villaggi e nelle città, "non si conformavano nemmeno alle norme culturali e politiche più elementari della vita sovietica" (Baran 2014, 5). Il regime di Putin continua la politica di repressione di coloro che percepisce come "separati" o "diversi", compresi i Testimoni di Geova, e confisca le loro proprietà.

La terza area di indagine è l'atteggiamento di un gruppo di psichiatri e psicologi russi. Molti degli "esperti" che preparano rapporti contro i Testimoni di Geova provengono dal loro ambiente. Il termine "lavaggio del cervello" è stato coniato negli Stati Uniti dalla CIA durante la Guerra Fredda per indicare le pratiche dannose che attribuiva ai comunisti sovietici e cinesi. Tuttavia, gli studiosi del concetto di "lavaggio del cervello" hanno indicato che, senza usare questa parola, gli psichiatri sovietici avevano già elaborato nozioni simili prima della Seconda Guerra Mondiale (Dimsdale 2021, 31).

In epoca sovietica, avrebbero potuto credere che il "lavaggio del cervello", con qualsiasi altro nome, fosse all'opera in tutte le forme di conversione religiosa. Tuttavia, quando, poco prima della fine dell'Unione Sovietica, alcuni di loro iniziarono a leggere la letteratura occidentale contro le sette, vi trovarono qualcosa di familiare, ossia l'idea che i movimenti denunciati come "sette" reclutassero i loro membri attraverso il "lavaggio del cervello" e mettessero a rischio la salute mentale dei membri.

Il governo di Putin ha trovato questa retorica attraente, come altri regimi post-sovietici, anche in Asia centrale. Per citare ancora Emily Baran:

L'anti-settarismo [occidentale] ha fornito un modello critico per gli Stati ex sovietici nell'inquadrare gli attacchi alle religioni marginali all'interno di un discorso democratico [o presunto tale]... Inoltre, la continua influenza della Russia sugli Stati ex sovietici ha fatto sì che, mentre la Russia assumeva il ruolo di guida nell'adottare una legislazione più severa e nel promuovere la retorica anti-settaria nella sua stampa, altri Paesi della regione ne seguissero l'esempio (Baran 2014, 9).

Baran ha scritto queste parole all'inizio del 2014, e sembrano molto appropriate per l'Asia Centrale, dove un discorso meccanico anti-testimoni di Geova ispirato dalla Russia continua ancora oggi.

D'altra parte, però, le cose sono cambiate rispetto ai primi mesi del 2014. Dal punto di vista politico e delle istituzioni internazionali, comprese le Nazioni Unite, gli Stati dell'Asia centrale non sono mai stati sostenitori acritici o incondizionati della Russia. Sono orgogliosi di un passato in cui hanno resistito al colonialismo russo fino alla fine del XIX secolo e anche oltre (l'Emirato di Bukhara, pur avendo dovuto accettare di diventare un protettorato russo nel 1873, è rimasto indipendente fino al 1920). È chiaro che le due invasioni dell'Ucraina, nel 2014 e nel 2022, hanno fatto riflettere i governi dell'Asia centrale. L'opinione pubblica e le classi dirigenti sono state descritte nel 2022 come critiche e preoccupate per l'aggressione di Putin all'Ucraina (Auyezov 2022).

Si può solo sperare che questa critica si estenda agli atteggiamenti della Russia nei confronti della libertà religiosa e alle sue calunnie e persecuzioni nei confronti dei Testimoni di Geova.


Riferimenti

Auyezov, Olzhas. 2022. “‘We Want Respect’: Putin’s Authority Tested in Central Asia.” Reuters, October 18. Accessed November 25, 2022. https://reut.rs/3FeV3gn.

Babyblog.ru. 2013. “Осторожно, Свидетели Иеговы” (Watch Out, Jehovah’s Witnesses). Accessed November 24, 2022.
https://bit.ly/3uA7eiO.

Baran, Emily B. 2014. Dissent on the Margins: How Soviet Jehovah’s Witnesses Defied Communism and Lived to Preach About It. New York: Oxford University Press.

Barker, Eileen. 1984. The Making of a Moonie: Brainwashing or Choice? Oxford: Basil Blackwell.

Bergman, Jerry. 1984. Jehovah’s Witnesses and Kindred Groups: A Historical Compendium and Bibliography. New York and London: Garland.

Berzano, Luigi, Boris Falikov, Willy Fautré, Liudmyla Filipovich, Massimo Introvigne, and Bernadette Rigal-Cellard. 2022. “Sympathy for the Devil: The Anti-Cult Federation FECRIS and Its Support for Russian and Chinese Repression of Religion.” The Journal of CESNUR 6(3):25–67. DOI: 10.26338/tjoc.2022.6.3.2

Carobene, Germana. 2021. “Religious Freedom in the Russian Federation and
the Jehovah’s Witnesses.” The Journal of CESNUR 5(1):82–103. DOI: 10.26338/tjoc.2021.5.1.5.

Catechism of the Catholic Church. 1992. Vatican City: Libreria Editrice Vaticana.

CEIC. 2022. “Kazakhstan Monthly Earnings.” Accessed November 24, 2022. https://bit.ly/3uzbEXt.

Corley, Felix. 2010. “Russia: City Administration Considered Liquidation of Religious Community ‘Necessary.’” Forum 18, December 1. Accessed November 24, 2022. https://bit.ly/3BnHhah.

Corley, Felix. 2020. “Kazakhstan: Tortured Prisoner of Conscience Jailed Again.” Forum 18, October 14. Accessed November 24, 2022. https://bit.ly/3FBuxiM.

Corley, Felix. 2021. “Kazakhstan: Plagiarised ‘Expert Analysis,’ Jehovah's Witnesses to Pay Over 3 Years’ Wages.” Forum 18, 24 September. Accessed November 24, 2022. https://bit.ly/3h9gGH8.

Di Marzio, Raffaella. 2020. “Being Jehovah’s Witnesses: Living in the World Without Being Part of It.” The Journal of CESNUR 4(6):69–91. DOI: 10.26338/tjoc.2020.4.6.6.

Dimsdale, Joel E. Dark Persuasion: A History of Brainwashing, from Pavlov to Social Media, New Haven, CT, and London: Yale University Press.

Kravchenko, Maria. 2018. Inventing Extremists: The Impact of Russian Anti- Extremism Policies on Freedom of Religion or Belief. Washington DC: U.S. Commission on International Religious Freedom.

Reevell, Patrick. 2021. “Russia’s Mysterious Campaign Against Jehovah’s Witnesses.” ABC News, July 18. Accessed November 24, 2022. https://abcn.ws/3hcTR5k.

Richardson, James T. 1991. “Cult/Brainwashing Cases and the Freedom of Religion.” Journal of Church and State 33:55–74.

Richardson, James T. 1992. “Mental Health of Cult Consumers: Legal and Scientific Controversy.” In Religion and Mental Health, edited by John F. Schumaker, 233–44. Oxford: Oxford University Press.

Richardson, James T. 1993. “A Social Psychological Critique of ‘Brainwashing’ Claims About Recruitment to New Religions.” In The Handbook of Cults and Sects in America, edited by David G. Bromley and Jeffrey K. Hadden, 75–97.
Greenwich, CT: JAI Press.

Richardson, James T. 1996. “Sociology and the New Religions: ‘Brainwashing,’ the Courts, and Religious Freedom.” In Witnessing for Sociology: Sociologists in Court, edited by Pamela Jenkins and J. Stephen Kroll-Smith, 115–34. Westport, CT: Praeger.

Shaw, George, and Susan Raine. 2017. “Remember the Whole Track? The Hidden Persuaders in Scientology Art.” In Scientology and Popular Culture: Influences and Struggles for Legitimacy, edited by Stephen A. Kent and Susan Raine, 333–52. Santa Barbara, CA: Praeger.

SOVA Center for Information and Analysis. 2020a. Anti-Extremist Policies in Russia, Kazakhstan, the Kyrgyz Republic and Tajikistan: Comparative Review. Joint Report by Members of the Working Group: SOVA Center for Information and Analysis (Russian Federation), Public Association “Dignity” (Republic of Kazakhstan), Bir Duino (Kyrgyz Republic), Office of Civil Freedoms (Republic of Tajikistan). Moscow: SOVA Center for Information and Analysis.

SOVA Center for Information and Analysis. 2020b. “Путин утвердил новую Стратегию противодействия экстремизму” (Putin Approved a New Strategy to Counter Extremism). May 29. Accessed April 15, 2022. https://bit.ly/3VL76Jw.

Victor, Jeffrey S. 1993. Satanic Panic: The Creation of a Contemporary Legend. Chicago and La Salle (Illinois): Open Court.

Vokey, John R., and J. Don Read. 1985. “Subliminal Messages: Between the Devil and the Media.” American Psychology 40(11):1231–39.