Anti-sette

Perché decine di ONG e individui chiedono la revoca dello status consultivo della FECRIS presso l'ECOSOC delle Nazioni Unite

Quello che segue è un appello promosso da Bitter Winter, una rivista online sulla libertà religiosa e i diritti umani pubblicata dal CESNUR, il Centro Studi sulle Nuove Religioni. FOB, firmataria dell'appello, nel corso degli anni ha pubblicato diversi articoli riguardanti la FECRIS e il suo ruolo nella diffusione dell'ideologia anti-sette.

In che modo il movimento anti-sette ha contribuito ad alimentare la retorica anti-ucraina russa

Lungi dall’avallare qualsiasi presa di posizione politica in merito al conflitto in atto in Ucraina, consapevoli del vecchio adagio che ammonisce come “tra i due litiganti ci sia sempre un terzo che gode”, pubblichiamo questo articolo apparso su The Europe Times a firma Jan Leonid Bornstein, che illustra l’operato del movimento anti-sette nel fomentare l’intolleranza e la divisione tra religioni, culture e popoli.

Giornata mondiali dei diritti umani: una storia per riflettere

Fin dove si può spingere l’odio generato dall’intolleranza verso le minoranze religiose? L’articolo di cui riproponiamo qui sotto alcuni stralci fornisce una risposta eloquente. In questo caso a fare le spese dell’odio omicida di folle musulmane ignoranti sono fedeli indù e cristiani, vale a dire i fedeli di due tra le maggiori religioni sulla Terra, che però nel mondo islamico spesso sono in netta minoranza.

I Testimoni di Geova kirghisi possono continuare ad usare i loro libri

Il 30 novembre scorso avevamo dato notizia del procedimento a carico dei Testimoni di Geova kirghisi, rei di utilizzare pubblicazioni che, a detta della Procura Generale, sarebbero “estremiste”, in ossequio alla linea intollerante e anti-sette della confinante Russia. Oggi siamo lieti di annunciare che il Tribunale Distrettuale di Pervomayskiy ha respinto la richiesta della Procura, anche grazie a una perizia scritta da Massimo Introvigne e Rosita Šorytė, rispettivamente direttore e vice direttore di Bitter Winter.

Russia condannata ancora una volta dalla Corte Europea

Ancora una volta la Corte Europea stigmatizza e condanna il comportamento intollerante della Russia nei confronti dei nuovi movimenti religiosi presenti sul suolo russo ed invisi alla dominante classe ortodossa e agli antisette russi capeggiati da Alexander Dvorkin, vice-presidente della FECRIS e direttore del Centro Sant'Ireneo di Lione per gli Studi Religiosi, associazione russa affiliata alla FECRIS. Pubblichiamo qui di seguito un articolo di HRWF che dà notizia della sentenza della Corte Europea.

Quando i media belgi stigmatizzano ingiustamente e non pubblicano la verità giudiziaria: il caso dei Testimoni di Geova (2)

HRWF — Human Rights Without Frontiers ha identificato tre noti canali televisivi – RTBF, RTL e VRT – e diversi importanti giornali come La Libre Belgique, La Dernière Heure e Het Laatste Nieuws che non hanno pubblicato la notizia dell'archiviazione della causa contro l'associazione dei Testimoni di Geova, accusata ingiustamente di aver nascosto casi di abusi sessuali al suo interno e di condurre cosiddetti processi interni, generalmente favorevoli ai presunti colpevoli.

Quando i media belgi stigmatizzano ingiustamente e non pubblicano la verità giudiziaria: il caso dei Testimoni di Geova (1)

HRWF — Le Soir, La Capitale Sud-info, Bruxelles News, Nieuwsblad, VRT Nieuws e Bruzz che avevano molto imprudentemente riportato nel 2018-2019, come una breaking news, il presunto fallimento dell'associazione belga dei Testimoni di Geova nel denunciare gli abusi sessuali al loro interno, sono stati gli unici media a riportare la sentenza del tribunale del 5 ottobre 2021 che ha rigettato le accuse contro questo gruppo religioso.

UNADFI denunciata alla Corte dei Conti nazionale francese

La nostra associata francese CAP LC (Coordination des Associations et des Particuliers pour la Liberté de Conscience, NGO con status consultivo ECOSOC) ha denunciato l'UNAFDI alla Corte dei Conti nazionale francese. Più volte la CAP LC ha denunciato l'operato dei movimenti anti-sette atto a limitare l'attività delle minoranze religiose a loro invise, se non ad eliminarle come previsto dalla controversa legge francese About-Picard (Law 2001-504 of June 12, 2001), o la legge russa Yarovaya sull'estremismo.

Un nuovo libro su “La Famille”

di Massimo Introvigne — Dopo il libro di Suzanne Privat, un altro giornalista, Nicolas Jacquard di Le Parisien, ha pubblicato un libro sulla comunità Cristiana francese di origine Giansenista nota come "La Famille" (Les inspirés, Parigi: Robert Laffont, 2021). Questo libro è molto più ambizioso di quello della Privat, poiché l'autore ha svolto un lavoro considerevole di lettura delle fonti accademiche sugli antenati Giansenisti de La Famille. Bisogna anche ringraziarlo per aver sollevato diverse questioni che non erano state affrontate nella letteratura precedente su questo argomento poco conosciuto. Il libro rimane comunque l'inchiesta di un giornalista, francese, che è per definizione qualcosa di diverso da uno studio accademico. Ciò significa che condivide un certo atteggiamento negativo tipico della società, della politica e dei media francesi nei confronti dei gruppi descritti come "sette" o comunque sospettati di "deviazioni settarie" (dérives sectaires). Questo atteggiamento porta anche a privilegiare le informazioni provenienti dagli "apostati".

La FECRIS ammette: Il caso di Amburgo perso contro i Testimoni di Geova: "Una lezione"

di Massimo Introvigne — Il 27 novembre 2020, la FECRIS, la Federazione Europea dei Centri di Ricerca e Informazione su Culti e Sette, un'organizzazione ombrello per i movimenti anti-sette in Europa e oltre, ampiamente finanziata dal governo francese, ha perso una causa storica presso la Corte Distrettuale di Amburgo, in Germania, dove è stata dichiarata colpevole di 18 capi d'accusa per affermazioni di fatto non veritiere nei confronti dei Testimoni di Geova. Il 24 maggio 2021, Bitter Winter ha pubblicato un commento sulla sentenza. Il 30 maggio 2021, cioè sei giorni dopo l'articolo di Bitter Winter (e sei mesi dopo la sentenza, a dimostrazione che stava effettivamente replicando a Bitter Winter, e che senza il nostro articolo non avrebbe mai commentato pubblicamente la sentenza), la FECRIS ha pubblicato un comunicato stampa sul caso.

Lavaggio del cervello all'italiana: alcuni rivogliono il "Plagio"

di Massimo Introvigne — Negli articoli precedenti, abbiamo spiegato come la sentenza della Corte Costituzionale del 1981 sul "plagio" abbia reso impossibile in Italia perseguire i leader religiosi per presunti reati di "lavaggio del cervello" o "manipolazione mentale" nei confronti dei loro seguaci. La sentenza riguardava il leader di un gruppo Cattolico, ma la sentenza della Corte Costituzionale ha anche salvato Eugenio Siragusa dall'accusa di "plagio", mossa per la prima volta contro il leader di un nuovo movimento religioso. Siragusa era il fondatore della Fratellanza Cosmica, una religione riguardante gli UFO. Era stato arrestato nel 1978 e accusato di "plagio" ai danni di due ricchi membri americani della Fratellanza Cosmica, che avevano fatto importanti donazioni. Il tribunale di Catania, Sicilia, lo assolse nel 1982, riconoscendo che il "plagio" non esisteva più nella legge italiana.

Lavaggio del cervello all'italiana: "Non esiste", ha detto la Corte Costituzionale

di Massimo Introvigne — Negli articoli precedenti, abbiamo discusso come l'articolo 603 del codice penale fascista del 1930 incriminava quello che sarebbe stato poi chiamato "lavaggio del cervello", e come il suo uso nel 1968 contro Aldo Braibanti, un filosofo marxista gay accusato di aver sottoposto i suoi allievi al "lavaggio del cervello" all'omosessualità, abbia generato una controversia di lunga durata. Oggi in Italia molti della vecchia generazione confondono nella loro memoria il caso Braibanti e il caso Grasso avvenuto dieci anni dopo, nel 1978. Molti "ricordano" che fu il caso Braibanti a portare la Corte Costituzionale italiana a dichiarare l'illegittimità del reato di plagio, ma la memoria li sta abbandonando. La Corte Costituzionale non ha mai rivisto il caso Braibanti. Tuttavia, ha riesaminato il caso di padre Emilio Grasso, un prete Cattolico e il leader di una comunità Cattolica chiamata Redemptor Hominis.

Lavaggio del cervello all'italiana: il caso Braibanti

di Massimo Introvigne — Nei precedenti articoli della serie abbiamo visto come, alla fine di una secolare evoluzione giuridica, nel 1930 il ministro della giustizia di Mussolini Alfredo Rocco, prevalendo contro il parere della commissione che stava redigendo il nuovo codice penale italiano, vi inserì un articolo 603 che incriminava quello che sarebbe stato poi chiamato "lavaggio del cervello". La commissione era preoccupata che la norma potesse essere usata arbitrariamente contro coloro che avessero persuaso altri di idee che alcuni giudici o pubblici ministeri avrebbero potuto considerare inaccettabili. Era, tuttavia, molto rumore per nulla. Se Mussolini credeva che la nuova disposizione potesse essere usata contro gli oppositori del regime, sarebbe rimasto deluso. In epoca fascista, nessuno fu condannato per "plagio". Infatti, la norma del "plagio" non portò mai a condanne anche dopo la fine del regime fascista, finché le cose non cambiarono negli anni '60.

Lavaggio del cervello all'italiana: la legge fascista sul "Plagio"

di Massimo Introvigne — Nel primo articolo della serie, abbiamo visto come il termine "plagio", che significa anche, in un contesto diverso, plagio o violazione del diritto d'autore, era usato nel diritto italiano per identificare la riduzione in schiavitù di esseri umani, e il codice del Granducato di Toscana del 1853 aveva incluso per la prima volta una norma che incriminava la riduzione in schiavitù psicologica, piuttosto che fisica, anche se non fu mai applicata e non fu inclusa nel codice penale italiano del 1889, noto come Codice Zanardelli. Nel 1930, il Codice Zanardelli fu sostituito dal Codice Rocco, dal nome del Ministro della Giustizia fascista Alfredo Rocco.

Lavaggio del cervello all'italiana: la nascita del “Plagio”

di Massimo Introvigne — In Italia, sentiamo spesso l'espressione "plagio", proveniente dal latino plagium, usata come sinonimo di "lavaggio del cervello" o "controllo mentale". Si può leggere, per esempio, che una "vittima" è stata "sottoposta a plagio" da una "setta". Questo uso della parola "plagio" è radicato nel vecchio articolo 603 del codice penale italiano del 1930, che sotto la voce "plagio" prevedeva la reclusione da cinque a quindici anni per chi riduceva una o più persone a uno "stato di totale asservimento", privandole del loro libero arbitrio. L'articolo 603 è stato abolito dalla Corte costituzionale nel 1981.

Gnosticismo: "leggende oscure" sul fondatore di Scientology discusse dagli studiosi

La sessione “Gnosticismo e nuove religioni: il caso di L. Ron Hubbard” tenutasi il 30 agosto scorso durante il primo giorno del meeting annuale della European Academy of Religions presso l’Università di Münster (Germania), è stata presieduta e moderata da un membro del nostro Comitato Scientifico: Rosita Šorytė; anche uno dei relatori, il professor Aldo Natale Terrin, è parte dello stesso Comitato. Doveroso quindi dare spazio a questo articolo scritto per Bitter Winter dal Presidente di FOB Alessandro Amicarelli. Ma questa non è l’unica ragione per pubblicare questo scritto.

Le teorie del "lavaggio del cervello" stanno ritornando?

di Massimo Introvigne — Nel quarto articolo di questa serie, abbiamo visto come l'azione combinata degli studiosi dei nuovi movimenti religiosi e dei tribunali ha escluso sia le teorie del "lavaggio del cervello" sia il loro utilizzo come strumento legale contro le "sette". L'idea che le "sette " pratichino la manipolazione mentale o il " lavaggio del cervello " è sopravvissuta nei media popolari e ha influenzato leggi e sentenze di tribunali al di fuori degli Stati Uniti, in particolare in Francia. Tuttavia, gli argomenti formulati da una grande maggioranza dei principali studiosi dei nuovi movimenti religiosi, e citati nella decisione Fishman, non si riferiscono solo agli Stati Uniti. Il "lavaggio del cervello" e la manipolazione mentale rimangono concetti rifiutati come pseudo-scientifici da una grande maggioranza degli studiosi di religione (anche se accettati da una minoranza, e da alcuni psichiatri e psicologi non specializzati in materia di religione). Nella seconda metà degli anni '90, James T. Richardson, che aveva svolto un ruolo importante nel criticare le teorie anti-sette sul "lavaggio del cervello", ha esaminato sistematicamente con alcuni colleghi tutti i casi giudiziari americani in cui appariva la parola "lavaggio del cervello".

Il declino delle teorie del "lavaggio del cervello" nel tardo ventesimo secolo

di Massimo Introvigne — Una delle conseguenze più tragiche delle teorie del "lavaggio del cervello" applicate alle minoranze religiose è che sono state usate per giustificare la pratica illegale della "deprogrammazione", creata da Ted Patrick in California e che fiorì negli anni 70. Se i loro figli e le loro figlie avevano subito un "lavaggio del cervello", questi genitori si sentivano giustificati a ingaggiare dei "deprogrammatori" che sostenevano di poter rapire i "membri delle sette", trattenerli e persuaderli, più o meno violentemente, ad abbandonare le "sette". Negli stessi anni nacque lo studio accademico dei nuovi movimenti religiosi, sia negli Stati Uniti sia nel Regno Unito. Gli studiosi che studiarono i movimenti criticati come "sette " trovarono che le conversioni ad essi avvenivano più o meno allo stesso modo delle conversioni a qualsiasi altra religione, e che solo una piccola percentuale di coloro che frequentavano i corsi e i seminari di gruppi come la Unification Church, studiati a fondo da Eileen Barker e dove venivano usate presunte tecniche miracolose di "lavaggio del cervello", si univano a tali gruppi. Evidenze empiriche confermavano che non c'era alcun "lavaggio del cervello" o manipolazione mentale, e che queste etichette e teorie non erano meno pseudo-scientifiche delle antiche affermazioni che le "eresie" convertivano i loro seguaci attraverso la magia nera.

In che modo le teorie del "lavaggio del cervello" sono state applicate alla religione

di Massimo Introvigne — Negli articoli precedenti, abbiamo visto come la CIA ha coniato il termine "lavaggio del cervello" e accusato i comunisti di usare tecniche sinistre di controllo mentale. Ad un certo punto, la CIA ha iniziato a credere alla sua stessa propaganda e ha lanciato un esperimento segreto dal nome in codice MK-Ultra, dove ha cercato di "lavare il cervello" a dei cosiddetti volontari. Il progetto fallì, e dimostrò che le tecniche di "lavaggio del cervello" possono ridurre le sfortunate vittime a relitti umani simili a vegetali, ma non possono installare in loro nuove idee o sentimenti di lealtà. Uno che, senza probabilmente essere a conoscenza del fatto che il Progetto segreto MK-Ultra fosse in fase di pianificazione, aveva anticipato che l'unico risultato possibile del violento "lavaggio del cervello" sarebbe stata la produzione di vittime simili a zombie, era il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard. Ebbe un coinvolgimento indiretto nel dibattito sulla Guerra Fredda a proposito del "lavaggio del cervello", dato che la Chiesa di Scientology pubblicò nel 1955 (e poi ritirò rapidamente, secondo quanto riferito, in seguito ad un suggerimento delle agenzie governative americane) un libretto intitolato Brain-Washing: A Synthesis of the Russian Textbook on Psychopolitics.

Test sulle teorie del "lavaggio del cervello": la CIA e l'esperimento MK-Ultra

di Massimo Introvigne — Nel primo articolo di questa serie, abbiamo visto come la propaganda della CIA ha creato il termine e la teoria del "lavaggio del cervello" per spiegare perché persone intelligenti potessero abbracciare una dottrina assurda come il comunismo, e per accusare i comunisti sovietici e cinesi di pratiche sinistre che privano le loro vittime del libero arbitrio. Paradossalmente, la CIA arrivò a credere nella propria propaganda, e cercò di replicare il "lavaggio del cervello" comunista con propri esperimenti. Il progetto segreto di "lavaggio del cervello" della CIA era chiamato in codice MK-ULTRA. Originariamente, fu menzionato solo in poche pubblicazioni critiche nei confronti del governo degli Stati Uniti, e spesso liquidato come un supporto alle teorie della cospirazione. Più tardi, tuttavia, la CIA divenne l'imputato in diverse cause legali intentate da "volontari" che avevano subito danni permanenti negli esperimenti MK-ULTRA e dai loro parenti, la più importante delle quali portò a un accordo nel 1988. Grazie alle cause legali, diversi documenti chiave divennero pubblici.