Articoli

Lavaggio del cervello all'italiana: la nascita del “Plagio”

di Massimo Introvigne — In Italia, sentiamo spesso l'espressione "plagio", proveniente dal latino plagium, usata come sinonimo di "lavaggio del cervello" o "controllo mentale". Si può leggere, per esempio, che una "vittima" è stata "sottoposta a plagio" da una "setta". Questo uso della parola "plagio" è radicato nel vecchio articolo 603 del codice penale italiano del 1930, che sotto la voce "plagio" prevedeva la reclusione da cinque a quindici anni per chi riduceva una o più persone a uno "stato di totale asservimento", privandole del loro libero arbitrio. L'articolo 603 è stato abolito dalla Corte costituzionale nel 1981.

Gnosticismo: "leggende oscure" sul fondatore di Scientology discusse dagli studiosi

La sessione “Gnosticismo e nuove religioni: il caso di L. Ron Hubbard” tenutasi il 30 agosto scorso durante il primo giorno del meeting annuale della European Academy of Religions presso l’Università di Münster (Germania), è stata presieduta e moderata da un membro del nostro Comitato Scientifico: Rosita Šorytė; anche uno dei relatori, il professor Aldo Natale Terrin, è parte dello stesso Comitato. Doveroso quindi dare spazio a questo articolo scritto per Bitter Winter dal Presidente di FOB Alessandro Amicarelli. Ma questa non è l’unica ragione per pubblicare questo scritto.

Nelly Ippolito Macrina, necrologio

Il 22 agosto scorso, a distanza di pochi giorni dal decesso del marito, Dr. Giuseppe Macrina, è deceduta a Firenze la Dr.ssa Nelly Ippolito Macrina, già vice-Prefetto di Firenze da poco in pensione.

Integerrima funzionaria dello Stato, ha ricoperto diversi ruoli a livello locale e nazionale.

Presso il Ministero dell'Interno si occupò ampiamente di Libertà civili e fu Responsabile per gli Affari dei culti diversi dal cattolico, oltre a dirigere l'Osservatorio per la Libertà Religiosa. L'ultimo incarico fu di vice-Prefetto di Firenze.

Circa 50 tibetani arrestati perché sospettati di conservare foto del Dalai Lama

Operazione di perquisizione da parte delle forze armate nella città di Dza Wonpo eseguita otto mesi dopo la morte in custodia del 19enne Tenzin Nyima. Il 22 agosto, circa 200 militari e nove mezzi militari sono arrivati nella città di Dza Wonpo e hanno effettuato un arresto di massa di circa 50 persone. La città si trova nella contea di Sershul, prefettura autonoma tibetana di Kardze (Ch: Ganzi) nella regione tibetana orientale di Kham. A nessuno dei detenuti in custodia della polizia cinese è permesso di incontrare i propri familiari o amici e il motivo ufficiale del loro arresto non è stato rivelato.

Le teorie del "lavaggio del cervello" stanno ritornando?

di Massimo Introvigne — Nel quarto articolo di questa serie, abbiamo visto come l'azione combinata degli studiosi dei nuovi movimenti religiosi e dei tribunali ha escluso sia le teorie del "lavaggio del cervello" sia il loro utilizzo come strumento legale contro le "sette". L'idea che le "sette " pratichino la manipolazione mentale o il " lavaggio del cervello " è sopravvissuta nei media popolari e ha influenzato leggi e sentenze di tribunali al di fuori degli Stati Uniti, in particolare in Francia. Tuttavia, gli argomenti formulati da una grande maggioranza dei principali studiosi dei nuovi movimenti religiosi, e citati nella decisione Fishman, non si riferiscono solo agli Stati Uniti. Il "lavaggio del cervello" e la manipolazione mentale rimangono concetti rifiutati come pseudo-scientifici da una grande maggioranza degli studiosi di religione (anche se accettati da una minoranza, e da alcuni psichiatri e psicologi non specializzati in materia di religione). Nella seconda metà degli anni '90, James T. Richardson, che aveva svolto un ruolo importante nel criticare le teorie anti-sette sul "lavaggio del cervello", ha esaminato sistematicamente con alcuni colleghi tutti i casi giudiziari americani in cui appariva la parola "lavaggio del cervello".

Il declino delle teorie del "lavaggio del cervello" nel tardo ventesimo secolo

di Massimo Introvigne — Una delle conseguenze più tragiche delle teorie del "lavaggio del cervello" applicate alle minoranze religiose è che sono state usate per giustificare la pratica illegale della "deprogrammazione", creata da Ted Patrick in California e che fiorì negli anni 70. Se i loro figli e le loro figlie avevano subito un "lavaggio del cervello", questi genitori si sentivano giustificati a ingaggiare dei "deprogrammatori" che sostenevano di poter rapire i "membri delle sette", trattenerli e persuaderli, più o meno violentemente, ad abbandonare le "sette". Negli stessi anni nacque lo studio accademico dei nuovi movimenti religiosi, sia negli Stati Uniti sia nel Regno Unito. Gli studiosi che studiarono i movimenti criticati come "sette " trovarono che le conversioni ad essi avvenivano più o meno allo stesso modo delle conversioni a qualsiasi altra religione, e che solo una piccola percentuale di coloro che frequentavano i corsi e i seminari di gruppi come la Unification Church, studiati a fondo da Eileen Barker e dove venivano usate presunte tecniche miracolose di "lavaggio del cervello", si univano a tali gruppi. Evidenze empiriche confermavano che non c'era alcun "lavaggio del cervello" o manipolazione mentale, e che queste etichette e teorie non erano meno pseudo-scientifiche delle antiche affermazioni che le "eresie" convertivano i loro seguaci attraverso la magia nera.

In che modo le teorie del "lavaggio del cervello" sono state applicate alla religione

di Massimo Introvigne — Negli articoli precedenti, abbiamo visto come la CIA ha coniato il termine "lavaggio del cervello" e accusato i comunisti di usare tecniche sinistre di controllo mentale. Ad un certo punto, la CIA ha iniziato a credere alla sua stessa propaganda e ha lanciato un esperimento segreto dal nome in codice MK-Ultra, dove ha cercato di "lavare il cervello" a dei cosiddetti volontari. Il progetto fallì, e dimostrò che le tecniche di "lavaggio del cervello" possono ridurre le sfortunate vittime a relitti umani simili a vegetali, ma non possono installare in loro nuove idee o sentimenti di lealtà. Uno che, senza probabilmente essere a conoscenza del fatto che il Progetto segreto MK-Ultra fosse in fase di pianificazione, aveva anticipato che l'unico risultato possibile del violento "lavaggio del cervello" sarebbe stata la produzione di vittime simili a zombie, era il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard. Ebbe un coinvolgimento indiretto nel dibattito sulla Guerra Fredda a proposito del "lavaggio del cervello", dato che la Chiesa di Scientology pubblicò nel 1955 (e poi ritirò rapidamente, secondo quanto riferito, in seguito ad un suggerimento delle agenzie governative americane) un libretto intitolato Brain-Washing: A Synthesis of the Russian Textbook on Psychopolitics.

Test sulle teorie del "lavaggio del cervello": la CIA e l'esperimento MK-Ultra

di Massimo Introvigne — Nel primo articolo di questa serie, abbiamo visto come la propaganda della CIA ha creato il termine e la teoria del "lavaggio del cervello" per spiegare perché persone intelligenti potessero abbracciare una dottrina assurda come il comunismo, e per accusare i comunisti sovietici e cinesi di pratiche sinistre che privano le loro vittime del libero arbitrio. Paradossalmente, la CIA arrivò a credere nella propria propaganda, e cercò di replicare il "lavaggio del cervello" comunista con propri esperimenti. Il progetto segreto di "lavaggio del cervello" della CIA era chiamato in codice MK-ULTRA. Originariamente, fu menzionato solo in poche pubblicazioni critiche nei confronti del governo degli Stati Uniti, e spesso liquidato come un supporto alle teorie della cospirazione. Più tardi, tuttavia, la CIA divenne l'imputato in diverse cause legali intentate da "volontari" che avevano subito danni permanenti negli esperimenti MK-ULTRA e dai loro parenti, la più importante delle quali portò a un accordo nel 1988. Grazie alle cause legali, diversi documenti chiave divennero pubblici.

Il "lavaggio del cervello": una falsa accusa contro le minoranze impopolari

di Massimo Introvigne — Ci risiamo. Vengono lanciati con grande fanfara nuovi libri che fanno rivivere vecchie teorie sul "lavaggio del cervello", e quasi tutti, da Donald Trump a Bill Gates, vengono accusati di usare "tecniche di controllo mentale" per raccogliere seguaci. E naturalmente, che usino il "lavaggio del cervello" è una vecchia accusa contro i gruppi discriminati ed etichettati come "sette". Queste tecniche esistono? Che la risposta è "no" è una delle conclusioni chiave della disciplina accademica dello studio dei nuovi movimenti religiosi (NRM studies). Una piccola minoranza di studiosi di movimenti religiosi, con legami con gli attivisti anti-sette, ha rifiutato questa conclusione, si è distaccata dalla maggioranza e ha creato una diversa disciplina di "studi settari". Tuttavia, come ha sottolineato Mike Ashcraft nel suo autorevole libro di testo sullo studio accademico dei nuovi movimenti religiosi, mentre gli studi dei NRM sono generalmente considerati come una parte legittima dello studio accademico delle religioni, gli "studi settari" non sono un "sapere tradizionale".

Giornata internazionale 2021 in commemorazione delle vittime di atti di violenza per motivi di religione o di credo: dobbiamo essere vigili

di Alessandro Amicarelli — Oggi è la Giornata Internazionale 2021 che commemora le vittime di atti di violenza per motivi di religione o di credo. Mentre la maggior parte degli osservatori internazionali posano gli occhi sul futuro dell'Afghanistan sotto il dominio dei talebani, pochi osservano le limitazioni dei diritti umani e delle altre libertà fondamentali in alcuni paesi democratici. Tra le più grandi democrazie del mondo, sia l'India che il Pakistan sono responsabili di violazioni dei diritti umani e della libertà di religione e di credo dei loro cittadini e residenti a diversi livelli. Anche nel continente europeo esistono situazioni preoccupanti.

L'ideologia anti-sette e la FECRIS: pericoli per la libertà religiosa. Un libro bianco

Sei studiosi esaminano la federazione europea anti-sette e giungono alla conclusione che è estremamente pericolosa per la libertà religiosa.

Di Luigi Berzano (Università di Torino, Italia), Boris Falikov (Russian State University for the Humanities, Mosca, Russia), Willy Fautré (Human Rights Without Frontiers, Bruxelles, Belgio), Liudmyla Filipovich (Lesya Ukrainka Eastern European National University, Lutsk, Ucraina), Massimo Introvigne (Center for Studies on New Religions, Torino, Italia), e Bernadette Rigal-Cellard (University Bordeaux-Montaigne, Bordeaux, Francia).

La Corte d'Appello Amministrativa dello Stato della Baviera ha stabilito che l'applicazione del "filtro per le sette" è illegale

di Massimo Introvigne — La IV sezione del Tribunale Amministrativo Statale d'Appello della Baviera ha pronunciato una sentenza, le cui motivazioni sono state pubblicate il 3 agosto 2021. Questa sentenza ribalta quella di primo grado del Tribunale Amministrativo di Monaco del 28 agosto 2019, relativa alla controversa questione del "filtro per le sette" utilizzato dalla Città di Monaco. I “filtri per le sette” sono certificazioni richieste da amministrazioni locali, imprese e partiti politici in alcune zone della Germania. Chiunque cerchi un lavoro, o per poter entrare in affari con queste istituzioni e aziende, deve firmare una dichiarazione in cui dichiara di non essere uno Scientologist e di non "utilizzare la tecnologia di L. Ron Hubbard" (il fondatore di Scientology).

Giuseppe Macrina, necrologio

Il componente del Comitato Scientifico di FOB Dott. Giuseppe Macrina si è spento a Firenze 12 agosto 2021.

Consulente legale specializzato in appalti, autore di manuali in materie giuridiche e giornalista, si interessava di religioni e collaborava in questo ambito con il CESNUR, Centro Studi sulle Nuove Religioni, di Torino.

FOB esprime la propria vicinanza alla famiglia, confidando che il suo impegno e passione possano essere portati avanti dalle nuove generazioni.

European Federation for Freedom of Belief (FOB)

I Testimoni di Geova nel rapporto della MIVILUDES francese: cinque errori

di Massimo Introvigne — In n precedente articolo che esaminava il rapporto per gli anni 2018–2020 recentemente pubblicato dalla MIVILUDES francese, la missione interministeriale francese per il monitoraggio e la lotta contro le devianze settarie (dérives sectaires), ho notato come esso soffra di un problema metodologico fondamentale. Il rapporto è un edificio costruito usando come mattoni le saisines, cioè le denunce contro un movimento religioso che chiunque può inviare alla MIVILUDES per lettera o utilizzando un modulo online. Per pagine e pagine, il rapporto riassume e cita le saisines. Non c'è alcuna indicazione che le saisines siano state verificate confrontandole con la letteratura scientifica esistente sui movimenti religiosi accusati, o intervistando i membri in buoni rapporti delle organizzazioni religiose, che potrebbero fornire un punto di vista totalmente differente.

La sindrome del fuoriuscito

di Fabrizio d'Agostini — Per "sindrome del fuoriuscito" si intende la condotta, le considerazioni e i ragionamenti dei soggetti che usciti da un gruppo, partito, religione, confessione, si rivolgono contro i passati amici e compagni e raccontando fatti o eventi negativi ai quali hanno partecipato, avanzando critiche e divenendo testimoni delle accuse più diverse. La sindrome non colpisce tutti i fuoriusciti, anzi proporzionalmente ben pochi. Con riferimento ai movimenti religiosi che appaiono i gruppi di tendenza, maggiormente studiati e monitorati e nei quali il ricambio è maggiore (statisticamente la partecipazione o l'affiliazione dura due anni, sia in entrata che in uscita), la sindrome del fuoriuscito, colpisce circa il 15% del 2%.

Il nuovo rapporto MIVILUDES: cattiva metodologia, risultati inaffidabili

di Massimo Introvigne — La scorsa settimana, la MIVILUDES, la missione interministeriale francese per il monitoraggio e la lotta contro le devianze settarie (dérives sectaires), che ora fa parte del Ministero dell'Interno, ha pubblicato la sua relazione per gli anni 2018-2020. Come Diogene che vaga con la sua lanterna alla ricerca di un uomo onesto, la MIVILUDES vaga per la Francia con l'ideologia anti-sette come lanterna alla ricerca di "devianze settarie" disoneste. Dérives sectaires è una formula e un'invenzione quintessenzialmente francese, di cui la MIVILUDES non è meno fiera della Tour Eiffel. Torna utile per trovare pericoli "settari" anche dove non esiste alcuna "setta".

La città di Monaco condannata dal Tribunale Amministrativo bavarese per aver discriminato un membro di Scientology

bdi Juan Sanchez Gil — La sentenza emanata dalla Corte d'Appello Amministrativa dello Stato Bavarese (fascicolo n. 4 B 20.3008) nella causa di una Scientologist di Monaco contro la città di Monaco è ora disponibile. Il caso riguardava la direttiva comunale sui finanziamenti per le biciclette elettriche, emessa allo scopo di proteggere l'ambiente, e il rifiuto della città di fornire una sovvenzione per l'acquisto di una bicicletta elettrica alla querelante, solo a causa della sua adesione a Scientology. Il Tribunale Amministrativo dello Stato bavarese ha condannato la pratica municipale con parole inequivocabili come un'interferenza ingiustificata nella garanzia di libertà religiosa dell'Art. 4 della Costituzione tedesca e come una violazione dell'art. 3 della Costituzione che vieta la disparità di trattamento davanti alla legge.

Testi religiosi bruciati pubblicamente, DVD distrutti con i bulldozer nello Yunnan

di Hu Zimo — I regimi totalitari hanno la mania di bruciare libri, e il Partito Comunista Cinese (PCC) brucia con gioia testi dissidenti e distrugge altro materiale non approvato dal regime. Nel clima festoso del 100° anniversario del PCC, si raccomanda che questo venga fatto in cerimonie pubbliche per "educare le masse". Per spiegare come questi moderni auto-dafé dovrebbero essere organizzati, una cerimonia "sperimentale" di incenerimento di libri e distruzione di DVD è stata organizzata dal Ministero della Pubblica Sicurezza a Kunming, nella provincia dello Yunnan, il 16 luglio, in due luoghi. Lo scopo era quello di mostrare come distruggere pubblicamente il materiale religioso illegale, in questo caso proveniente soprattutto dal Falun Gong e dalla Chiesa di Dio Onnipotente.

Guru Jára: perché le Filippine dovrebbero concedergli l'asilo

di Massimo Introvigne e Alessandro Amicarelli — I primi tre articoli della nostra serie hanno presentato due narrazioni contrastanti e inconciliabili su Jaroslav Dobeš e Barbora Plášková, attualmente detenuti nel centro di detenzione per immigrati di Bagong Diwa, vicino a Manila, in circostanze che le ONG internazionali hanno definito insalubri e pericolose. La Plášková è stata separata da suo figlio, anche lui nelle Filippine, quando aveva dieci mesi, e ha potuto vederlo solo due volte durante i sei anni di detenzione. Secondo le autorità della Repubblica Ceca, i rituali di "sganciamento" nel Cammino del Guru Jára eseguiti dal suo leader Dobeš con l'assistenza della Plášková, che come abbiamo spiegato erano basati su rapporti rituali in un quadro di sessualità sacra radicata nel Tantra, equivalevano a uno stupro nel caso di almeno una donna, per cui è stata pronunciata una sentenza definitiva che condanna Dobeš e Plášková a pene detentive rispettivamente di cinque anni e mezzo e cinque anni.

Guru Jára: il caso della corte ceca

di Massimo Introvigne e Alessandro Amicarelli — Nei primi due articoli di questa serie, abbiamo presentato la storia del Cammino di Guru Jára, la sua interazione con il movimento anti-sette ceco, e i suoi insegnamenti sulla sessualità sacra che hanno portato al procedimento penale. Come abbiamo menzionato nel secondo articolo, l'attenzione della polizia si è concentrata sul rituale dello sganciamento, dove le donne devote venivano "pulite" dai residui psichici negativi delle loro passate esperienze sessuali attraverso un rapporto sessuale rituale con il guru. Il movimento anti-sette aveva messo la polizia sulle tracce del Cammino di Guru Jára fin dai primi anni 2000, ma la situazione è precipitata dopo che Guru Jára e la sua principale collaboratrice Barbora Plášková avevano annunciato che avrebbero lasciato definitivamente l'Europa per trasferirsi in Asia nel 2007.