Intervista a Juliet Chowdhry in occasione del lancio delle memorie di Asia Bibi

Alla fine del 2018 avevamo pubblicato un articolo sulla liberazione di Asia Bibi dopo 9 anni di reclusione per blasfemia a causa del fatto che lei, una donna cristiana, aveva osato bere acqua da un bicchiere della sua collega musulmana. Ora siamo felici di scoprire che Asia e le sue figlie stanno bene e che ha scritto un libro sulla sua esperienza e sulle "terribili torture subite da Asia Bibi", sperando che aiuti i musulmani del Pakistan a diventare più tolleranti e ad abbracciare una giusta libertà di credo per tutte le minoranze religiose in quel paese.

Il tribunale belga ha dichiarato infondate le false accuse contro i Testimoni di Geova

Comunicato della Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova/ Belgio (21.10.2021) - Il 5 ottobre 2021 le Camere della Corte di Bruxelles hanno dichiarato che le accuse penali nei confronti della "Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova" senza scopo di lucro, su iniziativa del Centro di Informazione e Consulenza sulle Organizzazioni Settarie Nocive (CIAOSN).

Giornata mondiale contro la pena di morte

La nostra associata francese CAP LC (Coordination des Associations et des Particuliers pour la Liberté de Conscience, ONG con status consultivo ECOSOC) ha firmato una lettera indirizzata al Segretario Generale dell'Organizzazione per la Cooperazione Islamica (OIC) per invitare gli Stati membri dell'OIC a sostenere i loro standard in materia di diritti umani abrogando la pena di morte per apostasia e blasfemia.

Le minoranze denunciano il governo pakistano per aver bocciato il "Disegno di legge sulla proibizione della conversione forzata"

di Aftab Alexander Mughal — Le minoranze religiose in Pakistan hanno criticato il governo del Primo Ministro Imran Khan per aver bocciato il disegno di legge sulla proibizione della conversione forzata. Il disegno di legge mirava a proteggere le ragazze minorenni Indù e Cristiane dal rapimento, dalla conversione forzata e dai matrimoni forzati. Il disegno di legge proponeva di fissare l'età di conversione all'Islam a 18 anni.

La Corte Europea dei Diritti Umani afferma la libertà di religione o di credo di uno Scientologist russo

di Tabitha Berg — La Corte Europea dei Diritti Umani (CEDU) ha affermato ancora una volta i diritti degli Scientologist in Russia di praticare la loro religione in base all'articolo 9 della Convenzione CEDU per la Protezione dei Diritti Umani e delle Libertà Fondamentali, ha annunciato la Chiesa di Scientology Internazionale.

L'USCIRF allarmata dalla violenza contro i Cristiani e i Musulmani Shi'a in Nigeria

Washington, DC – La Commissione degli Stati Uniti per la Libertà Religiosa Internazionale (USCIRF) ha condannato oggi i recenti episodi di violenza contro le comunità religiose in Nigeria, compresi gli attacchi ai Cristiani nello stato di Kano e nello stato di Kaduna e la violenza contro i Musulmani Sciiti ad Abuja.

La persecuzione degli Ahmadi in Pakistan. 5. Perché gli Ahmadi non possono votare

di Massimo Introvigne — Nessuno sa quanti Ahmadi ci siano in Pakistan, poiché molti cercano di nascondere la loro affiliazione religiosa per paura delle persecuzioni descritte nei precedenti articoli della serie. Tuttavia, sono nell'ordine di milioni, forse quattro o cinque milioni. Abbastanza per essere un'interessante elettorato e per far valere i loro diritti attraverso le urne. C'è solo un problema. Non possono votare. Dal 1947 al 1985, i pakistani hanno avuto il diritto di votare in tutte le elezioni per il semplice fatto di essere cittadini del Pakistan, indipendentemente dalla loro fede religiosa. Nel 1985, però, un anno dopo la famigerata Ordinanza XX del 1984, che abbiamo discusso negli articoli precedenti come una legge che ha istituzionalizzato la persecuzione degli Ahmadi, il dittatore militare generale Zia ul-Haq ha deciso che, se e quando si terranno le elezioni, i cittadini saranno divisi in due liste elettorali separate. I Musulmani eleggeranno il 95% dei membri dell'Assemblea Nazionale. I non Musulmani voteranno per eleggere il restante 5% dei membri dell'Assemblea Nazionale, in rappresentanza delle minoranze religiose.

La persecuzione degli Ahmadi in Pakistan. 4. Persecuzione "democratica"

di Massimo Introvigne — Come abbiamo visto negli articoli precedenti, il regime militare del generale Zia ha creato con le leggi sulla blasfemia e l'ordinanza XX gli strumenti legali più efficaci per perseguitare gli Ahmadi. Quando alla fine del 1988, Benazir Bhutto divenne primo ministro, gli Ahmadi credettero inizialmente alle sue promesse di rispettare le minoranze, sebbene ricordassero anche che suo padre Zulfiqar Ali Bhutto, prima di essere deposto e giustiziato da Zia, aveva anche promulgato una legislazione anti-Ahmadi. Le loro speranze furono presto deluse. Benazir Bhutto non cambiò idea sull'ordinanza XX, e rispose alle critiche internazionali sostenendo che c'erano diversi casi pendenti davanti alla Corte Suprema del Pakistan, e che la questione se l'ordinanza anti-Ahmadi fosse compatibile con la Costituzione doveva essere risolta dalla magistratura.

La persecuzione degli Ahmadi in Pakistan. 3. Gli anni di Bhutto e Zia

di Massimo Introvigne — Come abbiamo visto negli articoli precedenti, dopo i sanguinosi disordini di Lahore nel 1953, gli Ahmadi hanno attraversato in Pakistan un periodo in cui, mentre erano ancora perseguitati e discriminati, erano in qualche modo protetti dalle grandi violenze. Le cose cambiarono con l'ascesa al potere di Zulfiqar Ali Bhutto. Educato negli Stati Uniti e nel Regno Unito, questo ricco avvocato ha servito come ministro nella maggior parte dei governi controllati dai militari che hanno governato il Pakistan dal colpo di stato del 1958. Nel 1967, essendo stato escluso dal governo del feldmaresciallo Muhammad Ayub Khan, Bhutto fondò un partito politico "socialista islamico" chiamato Pakistan People's Party, il cui motto era "l'Islam è la nostra fede, la democrazia la nostra politica, il socialismo la nostra economia". Dopo la rovinosa secessione del Bangladesh del 1971, e la sconfitta del Pakistan nella guerra con l'India, i militari chiamarono Bhutto, il cui partito godeva di un ampio sostegno nazionale, come unica speranza della nazione per evitare ulteriori spargimenti di sangue. Ha servito come Presidente del Pakistan dal 1971 al 1973, e come Primo Ministro dal 1973 al 1977.

La persecuzione degli Ahmadi in Pakistan. 2. I disordini di Lahore del 1953

di Massimo Introvigne — A causa delle peculiarità teologiche trattate nel primo articolo della serie, gli Ahmadi furono considerati eretici dagli altri Musulmani e perseguitati fin dalla loro fondazione. La loro persecuzione più sanguinosa fu, tuttavia, una conseguenza della fondazione del Pakistan come stato per i Musulmani dell'ex India britannica. La persecuzione delle minoranze religiose non sarebbe dovuta accadere e non faceva parte del progetto originale di Muhammad Ali Jinnah, il padre del Pakistan moderno. Quando fu eletto presidente dell'Assemblea Costituente nel 1947, Jinnah promise ai cittadini del Pakistan: "Siete liberi; siete liberi di andare nei vostri templi; siete liberi di andare nelle vostre moschee o in qualsiasi altro luogo di culto in questo stato del Pakistan. Potete appartenere a qualsiasi religione o casta o credo - questo non ha niente a che fare con gli affari dello stato….

La persecuzione degli Ahmadi in Pakistan. 1. Chi sono gli Ahmadi?

di Massimo Introvigne — Una delle più antiche e sanguinose persecuzioni di una minoranza religiosa nel mondo è oggi quella che ha come obiettivo gli Ahmadi in Pakistan. In questa serie, esamineremo da dove viene questa persecuzione e chi la alimenta. Per prima cosa, daremo uno sguardo a chi sono esattamente gli Ahmadi.

Mirza Ghulam Ahmad (1835-1908) nacque e visse per la maggior parte della sua vita a Qadian, nel Punjab (per cui i suoi seguaci sono talvolta chiamati Qadiani). Negli anni 1880-1884 scrisse i quattro volumi dell'opera Barahin-i-Ahmadiyya, destinati a mostrare la superiorità dell'Islam sulle altre fedi, e in particolare sul Cristianesimo, accolta con favore da molti ambienti islamici. Nel 1889, annunciò di aver ricevuto una rivelazione divina, attorno alla quale si riunì una comunità di seguaci.

Statistiche sulle vittime delle leggi sulla blasfemia (1987-2021)

Presentazione dell'avvocato Akmal Bhatti, direttore dell'Associazione delle Minoranze del Pakistan (MAP) alla conferenza stampa "Is Suspension Of Pakistan's GSP+ Status Overdue?" presso il Press Club Brussels, ospitata da Human Rights Without Frontiers – Bruxelles, 9 settembre 2021

di Akmal Bhatti — HRWF (21.09.2021) Dal 1987 ad agosto 2021, 1.865 persone sono state accusate in base alle leggi sulla blasfemia, con un picco significativo nel 2020, quando si sono registrati 200 casi. Il Punjab, la provincia dove vive la maggior parte dei Cristiani del Pakistan, è in prima posizione con il 76% di casi e 337 persone imprigionate per blasfemia. Il maggior numero di detenuti si trova nel carcere distrettuale di Lahore (60). Inoltre, almeno 128 persone sono state assassinate dalla folla, al di fuori di qualsiasi processo giudiziario, dopo essere state segnalate come colpevoli di blasfemia o apostasia, senza alcuna possibilità per loro di poter accedere a un'indagine.Nessuno è stato arrestato per gli assassinii.

Un nuovo libro su “La Famille”

di Massimo Introvigne — Dopo il libro di Suzanne Privat, un altro giornalista, Nicolas Jacquard di Le Parisien, ha pubblicato un libro sulla comunità Cristiana francese di origine Giansenista nota come "La Famille" (Les inspirés, Parigi: Robert Laffont, 2021). Questo libro è molto più ambizioso di quello della Privat, poiché l'autore ha svolto un lavoro considerevole di lettura delle fonti accademiche sugli antenati Giansenisti de La Famille. Bisogna anche ringraziarlo per aver sollevato diverse questioni che non erano state affrontate nella letteratura precedente su questo argomento poco conosciuto. Il libro rimane comunque l'inchiesta di un giornalista, francese, che è per definizione qualcosa di diverso da uno studio accademico. Ciò significa che condivide un certo atteggiamento negativo tipico della società, della politica e dei media francesi nei confronti dei gruppi descritti come "sette" o comunque sospettati di "deviazioni settarie" (dérives sectaires). Questo atteggiamento porta anche a privilegiare le informazioni provenienti dagli "apostati".

Due giovani tibetani arrestati per un gruppo di chat in lingua tibetana

Tibet Watch — Due giovani tibetani di nome Yang Ri e Guldak sono stati arrestati il 24 agosto 2021, a Darlak Township nella prefettura autonoma tibetana di Golog, che è governata come parte della provincia di Qinghai. Secondo quanto riferito, sono stati arrestati per essersi pronunciati su una recente ordinanza che ha disposto la completa sostituzione dei libri di testo in tibetano con libri di testo in cinese. Le autorità locali hanno notificato il cambiamento ai genitori e alle famiglie prima dell'inizio del semestre autunnale, dichiarando che da settembre 2021 in poi, tutti i loro figli dovranno andare a scuola solo con i nuovi libri di testo in cinese. Prove fotografiche ricevute da fonti mostrano autorità di polizia sedute all'aperto su un prato che spiegano questo ai genitori tibetani.

Avviata a Londra la seconda sessione del Tribunale Uiguro

di Ruth Ingram — Il tribunale indipendente che mira ad esaminare le prove delle violazioni dei diritti umani da parte della Cina contro il popolo uiguro nella Regione Autonoma cinese dello Xinjiang, si è aperto contro una raffica di attacchi contro lo svolgimento del processo, che il PCC ha sostenuto essere una "farsa politica" e uno "pseudo tribunale" "usato dai terroristi e dalle forze anti-cinesi per denigrare gli sforzi antiterroristici della Cina nella regione dello Xinjiang". Obiettando allo scopo del tribunale, che è quello di valutare se il governo cinese ha compiuto un genocidio contro il suo stesso popolo, l'ambasciata cinese nel Regno Unito si è unita al ministero degli Esteri cinese e al governo della Regione Autonoma dello Xinjiang Uyghur per condannare congiuntamente l'evento, definito come "un ennesimo gruppo di 'attori e attrici' che collaborano con forze anti-cinesi" "nel tentativo di offrire materiale sensazionale ma falso ai media occidentali e creare storie sulla 'Cina malvagia'".

La FECRIS ammette: Il caso di Amburgo perso contro i Testimoni di Geova: "Una lezione"

di Massimo Introvigne — Il 27 novembre 2020, la FECRIS, la Federazione Europea dei Centri di Ricerca e Informazione su Culti e Sette, un'organizzazione ombrello per i movimenti anti-sette in Europa e oltre, ampiamente finanziata dal governo francese, ha perso una causa storica presso la Corte Distrettuale di Amburgo, in Germania, dove è stata dichiarata colpevole di 18 capi d'accusa per affermazioni di fatto non veritiere nei confronti dei Testimoni di Geova. Il 24 maggio 2021, Bitter Winter ha pubblicato un commento sulla sentenza. Il 30 maggio 2021, cioè sei giorni dopo l'articolo di Bitter Winter (e sei mesi dopo la sentenza, a dimostrazione che stava effettivamente replicando a Bitter Winter, e che senza il nostro articolo non avrebbe mai commentato pubblicamente la sentenza), la FECRIS ha pubblicato un comunicato stampa sul caso.

Lavaggio del cervello all'italiana: alcuni rivogliono il "Plagio"

di Massimo Introvigne — Negli articoli precedenti, abbiamo spiegato come la sentenza della Corte Costituzionale del 1981 sul "plagio" abbia reso impossibile in Italia perseguire i leader religiosi per presunti reati di "lavaggio del cervello" o "manipolazione mentale" nei confronti dei loro seguaci. La sentenza riguardava il leader di un gruppo Cattolico, ma la sentenza della Corte Costituzionale ha anche salvato Eugenio Siragusa dall'accusa di "plagio", mossa per la prima volta contro il leader di un nuovo movimento religioso. Siragusa era il fondatore della Fratellanza Cosmica, una religione riguardante gli UFO. Era stato arrestato nel 1978 e accusato di "plagio" ai danni di due ricchi membri americani della Fratellanza Cosmica, che avevano fatto importanti donazioni. Il tribunale di Catania, Sicilia, lo assolse nel 1982, riconoscendo che il "plagio" non esisteva più nella legge italiana.

Lavaggio del cervello all'italiana: "Non esiste", ha detto la Corte Costituzionale

di Massimo Introvigne — Negli articoli precedenti, abbiamo discusso come l'articolo 603 del codice penale fascista del 1930 incriminava quello che sarebbe stato poi chiamato "lavaggio del cervello", e come il suo uso nel 1968 contro Aldo Braibanti, un filosofo marxista gay accusato di aver sottoposto i suoi allievi al "lavaggio del cervello" all'omosessualità, abbia generato una controversia di lunga durata. Oggi in Italia molti della vecchia generazione confondono nella loro memoria il caso Braibanti e il caso Grasso avvenuto dieci anni dopo, nel 1978. Molti "ricordano" che fu il caso Braibanti a portare la Corte Costituzionale italiana a dichiarare l'illegittimità del reato di plagio, ma la memoria li sta abbandonando. La Corte Costituzionale non ha mai rivisto il caso Braibanti. Tuttavia, ha riesaminato il caso di padre Emilio Grasso, un prete Cattolico e il leader di una comunità Cattolica chiamata Redemptor Hominis.

Lavaggio del cervello all'italiana: il caso Braibanti

di Massimo Introvigne — Nei precedenti articoli della serie abbiamo visto come, alla fine di una secolare evoluzione giuridica, nel 1930 il ministro della giustizia di Mussolini Alfredo Rocco, prevalendo contro il parere della commissione che stava redigendo il nuovo codice penale italiano, vi inserì un articolo 603 che incriminava quello che sarebbe stato poi chiamato "lavaggio del cervello". La commissione era preoccupata che la norma potesse essere usata arbitrariamente contro coloro che avessero persuaso altri di idee che alcuni giudici o pubblici ministeri avrebbero potuto considerare inaccettabili. Era, tuttavia, molto rumore per nulla. Se Mussolini credeva che la nuova disposizione potesse essere usata contro gli oppositori del regime, sarebbe rimasto deluso. In epoca fascista, nessuno fu condannato per "plagio". Infatti, la norma del "plagio" non portò mai a condanne anche dopo la fine del regime fascista, finché le cose non cambiarono negli anni '60.